sabato, 16 novembre 2019

Trieste Science+Fiction Festival, quattro premi a “Extra Ordinary”

Trieste Science+Fiction Festival, quattro premi a “Extra Ordinary”

Roma, 3 novembre – Conquista ben quattro premi “Extra Ordinary” di Mike Ahern, Enda Loughman (Irlanda, Belgio, 2019) al Trieste Science+Fiction Festival 2019. Vince il Méliès d’argent – Lungometraggi, lo Stars’ War – Premio della Critica Web, Premio Nocturno Nuove Visioni e il Premio del pubblico.

“Extra Ordinary” è “una deliziosa ghost story che deve molto all’ottimo cast, alla sceneggiatura e alla regia. Una storia universale che rimane ancorata alla cultura e al folklore europeo e irlandese. Alla fine, una storia classica rivista con un ritmo e stile attuali” ha spiegato la giuria del Mélies. Protagonista del film è La dolcissima e solitaria Rose, istruttrice di guida nell’Irlanda rurale, deve usare i suoi poteri soprannaturali per salvare la figlia di Martin (pure lui solitario e dolcissimo) da una rock star in declino che fa un patto col demonio per rilanciarsi… e poi tornarsene a casa in tempo per uno spuntino. Una brillante commedia, che è già un cult nei festival del globo.

Fra gli altri riconoscimenti il Premio Asteroide come miglior film di fantascienza, horror e fantasy riservato alle opere prime, seconde o terze di registi emergenti a “Aniara” degli svedesi Pella Kågerman e Hugo Lilja; il Premio Méliès d’argent – Cortometraggi a “This Time Away” di Magali Barbé (UK, 2019); il Wonderland Rai4 a
Vincitore Premio Rai4 TS+FF2019 “After Midnight” di Jeremy Gardner, Christian Stella (Usa, 2019). Il Premio Asteroide alla Carriera è andato a Phil Tippett, due volte premio Oscar, maestro degli effetti speciali.

Leggi anche