mercoledì, 5 agosto 2020

Punta sacra di Francesca Mazzoleni miglior film al Visions du Reel Festival

Punta sacra di Francesca Mazzoleni miglior film al Visions du Reel Festival

Roma, 3 maggio – “Punta Sacra” di Francesca Mazzoleni, vince il premio principale, il Sesterce’Or La Mobilière, come miglior film a Visions du Réel, uno dei più importanti festival internazionali dedicati al genere documentario. Il documentario, prodotto da Morel Film con Patroclo Film e distribuito internazionalmente da True Colours, racconta le 500 famiglie che cercano di difendere le loro case precarie all’idroscalo di ostia dal pericolo di allagamento e di demolizione.

“Sono felicissima della vittoria di questo premio e dell’esperienza a Visions du Réel, in una delle prime edizioni di festival online in questo periodo così complesso per la nostra arte e per la nostra industria – spiega Francesca Mazzoleni -. Punta Sacra è un film che parla di resistenza, di lotta per i propri diritti, per la casa e per la difesa della propria appartenenza, in un pezzetto di terra che sta a pochi chilometri dal centro della città in cui vivo. Ci tengo davvero a ringraziare il festival, la Morel Film e tutta la mia squadra per avermi aiutato a realizzare tutto questo: abbiamo fatto questo film in 12 persone, scoprendo ogni giorno che tipo di racconto avremmo avuto davanti, con curiosità e impegno enorme. Siamo diventati tutti parte integrante della grande famiglia dell’Idroscalo di Ostia che ci ha accolto. Grazie a Franca Vannini, tra le protagoniste del documentario, per averci dato per prima fiducia, e grazie a tutte le famiglie e le donne che da anni sono in prima linea, affrontando una battaglia non violenta, ma portata avanti con dignità, coscienza e autoironia. Spero che Punta Sacra sia un’occasione di maggiore ascolto e conoscenza per questa comunità, come per altre resistenze simili nel mondo. Perché troppe scelte sono state fatte sulle persone e sulle terre senza conoscerne le loro vere storie. Auguro a tutte le 500 famiglie dell'Idroscalo un futuro più sereno e
altre centinaia delle loro amate feste

Leggi anche