mercoledì, 23 agosto 2017

La battaglia di James Franco

La battaglia di James Franco

Lido Di Venezia, 3 settembre (Fr. Pierl.) – Alla Mostra del Cinema di Venezia James Franco ama far debuttare i suoi film da regista: stavolta arriva con In dubious battle (presentato in Cinema nel giardino) tratto dall’omonimo romanzo (uscito in Italia con il titolo ‘La battaglia’), scritto da John Steinbeck nel 1936.
Franco, che ha già firmato trasposizioni, fra gli altri, da libri di Faulkner (As I lay Dying), McCarthy ( Child of G od), ed un biopic su Bukowski, nel trarre un film da Steinbeck, si è sentito ‘a casa’. ”Da regista ho cominciato ad adattare molti dei libri che ho amato da studente – spiega -. Sento che è il percorso che mi appartiene come cineasta. Steinbeck (di cui Franco aveva già portato in palcoscenico Uomini e topi) è cresciuto come me in California, è andato in college a Stanford, vicino a casa mia. Sono cresciuto con i suoi libri, mi riconosco nella sua lingua e i suoi personaggi”. ‘

“La battaglia” non è “il suo romanzo più famoso – dice – ma mi interessava mettere in scena quel conflitto inarrestabile. Si prestava bene alla realizzazione cinematografica. Ho cercato di essere il più possibile fedele allo spirito della storia”.Nel film, coprodotto dall’italiana Ambi Pictures, viene messo in scena lo sciopero negli anni della Grande Depressione di braccianti raccoglitori di frutta, in una contea californiana, guidati da Jim Nolan (Franco) contro i proprietari terrieri che gli hanno pagato molto meno di quanto pattuito. Uno scontro che va avanti fino alle estreme conseguenze. Un violento contrasto sociale con un’eco anche nell’oggi. ”Non mi riferisco solo a Trump, oggi nei nostri leader in generale c’è una mancanza di interesse verso le classwi lavoratrici – dice Franco, rispondendo a chi gli chiede un parallelo con la situazione attuale -. Finché sarà una minoranza a gestire la gran parte della ricchezza gli scontri sociali saranno inevitabili”. A fianco all’attore e regista nel cast ci sono, fra gli altri, Robert Duvall, Bryan Cranston, Nat Wolff, Selena Gomez, Ed Harris, Ashley Greene e Austin Stowell.

Per lui essere attivi in più campi artistici (oltre che che attore, autore e regista, di cinema, teatro e tv, è pittore e scrittore), è una necessità: ”Sento che fa tutto parte dello stesso progetto. Anche se a volte ho il timore di poter essere malgiudicato nel campo dell’arte o come scrittore perché faccio l’attore. Gli artisti sono sensibili e possono farsi schiacciare dalle critiche, ma io non mi faccio fermare”.

Leggi anche