martedì, 24 novembre 2020

Gigi Proietti, gli omaggi da Mattarella a Stefania Sandrelli

Gigi Proietti, gli omaggi da Mattarella a Stefania Sandrelli

Roma, 2 novembre – Sono decine i messaggi di omaggio per Gigi Proietti, scomparso a 80 anni a causa di problemi cardiaci. Un flusso di ricordi, che passa per centinaia di messaggi di appassionati, e protagonisti del mondo della politica, del teatro e del cinema, dal presidente Mattarella a Stefania Sandrelli, passando per il sonetto che gli dedica Piefrancesco Favino. Una piccola panoramica:

Sergio Mattarella
“È con grande dolore che ho appreso la notizia della scomparsa, nel giorno dell’ ottantesimo compleanno, di Gigi Proietti. Attore poliedrico e versatile, regista, organizzatore, doppiatore, maestro di generazioni di attori, erede naturale di Ettore Petrolini, era l’espressione genuina dello spirito romanesco. Alla grande cultura, alla capacità espressiva eccezionale, frutto di un intenso lavoro su se stesso, univa una simpatia travolgente e una bonomìa naturale, che ne avevano fatto il beniamino del pubblico di ogni età. Desidero ricordarlo anche come intellettuale lucido e appassionato, sempre attento e sensibile alle istanze delle fasce più deboli e al rinnovamento della società”.

Giuseppe Conte
“Con Gigi Proietti non se ne va solo uno dei volti più amati dal pubblico, ma anche uno straordinario protagonista della nostra cultura. Proprio nel giorno del suo compleanno ci lascia un genio dello spettacolo che ha saputo divertire e commuovere milioni di italiani. La sua scomparsa addolora tutto il Paese”.

Elisabetta Casellati
“Genio della commedia all’italiana, istrione del palcoscenico, impareggiabile cantore della romanità, Gigi Proietti, nella sua straordinaria carriera, a teatro, al cinema e in tv ha saputo raccontare i vizi e le virtù degli italiani e della città che tanto amava. Oggi è un giorno triste per il mondo dello spettacolo italiano che perde uno dei suoi talenti più cristallini, un maestro dell’ironia dal tratto graffiante.

Virginia Raggi
Profondo dolore e grande tristezza per la morte di GigiProietti. Con lui perdiamo un pezzo di anima della nostra città. In questo momento siamo vicini alla famiglia, agli amici e a tutti coloro che lo hanno amato. Roma non lo dimenticherà mai”. Lo scrive su Twitter.

Dario Franceschini
“Con Gigi Proietti scompare un grande protagonista della commedia italiana, un uomo di cinema e di teatro che ha vissuto intensamente la sua arte, apprezzato da milioni di italiani. Un maestro, un artista geniale che ha saputo realizzare i suoi sogni con generosità

Stefania Sandrelli
“‌‌«Senza di lui la vita è più vuota, quante risate ci ha fatto fare, quante me ne ha fatte fare. Sono affranta, ci legava l’amicizia di una vita, ho avuto il privilegio di conoscerlo, lavorarci insieme, andare a cena insieme, ma so bene che questo non è solo un mio lutto ma di tutti gli italiani, tutti lo abbiamo amato, a tutti ha regalato risate. Ridere era proprio una sua missione”.

Carlo Verdone
Sul palcoscenico tra i migliori se non il migliore. Enorme presenza scenica, maschera da attore dell’antica Roma, tempi recitativi sublimi. Era un volto che rassicurava che l’identità di questa città ancora vive. Discepolo di Ettore Petrolini, forse più volte ha superato il suo maestro. Autorevolezza, cultura, generosità e umiltà. Questo era Gigi Proietti»

Enrico Montesano
“Te possino a Mandra’ proprio oggi? Ma che è una mandrakata?”, firmato er Pomata. Enrico Montesano è addolorato ma ci scherza su. “Gigi aveva un’ironia formidabile, l’avrebbe presa così, raccontando anzi inventando una barzelletta”, dice all’ANSA l’attore che in Febbre da cavallo di Steno, film cult, era protagonista insieme a Proietti.

Veronica Pivetti
“Una gioia e un onore aver fatto un pezzo di strada con te”. Veronica Pivetti saluta su Twitter Gigi Proietti con una foto che la ritrae insieme all’attore scomparso nella fiction Il maresciallo Rocca.

Enrico Brignano
“Sento un gran dolore dentro, ma so che è stato un privilegio starti vicino e devo farmelo bastare come consolazione. Grazie di tutto, Gigi. Sempre e per sempre”.

Paola Cortellesi
Se lì dove sei adesso non sanno ride…nun te fida’.
Ti vorrò sempre un bene infinito.
Arrivederci Maestà.

Enrico Vanzina
Addio Gigi. Sullo schermo eri quello che perdeva ai cavalli. Oggi, pero’, a perderti e a perdere siamo tutti noi”.

Anna Foglietta
“Non ti dimenticherò mai Gigi. Mai. E porterò dentro di me ogni tua risata, consiglio, racconto… come un tesoro. Gli applausi del pubblico ad ogni tuo ingresso e uscita di scena… infiniti… quelli sono eterni caro Gigi, come te, immenso uomo e attore. Che dolore”.

Leggi anche