venerdì, 3 luglio 2020

Berlinale, Lorello e Brunello, il capitale umano delle campagne

Berlinale, Lorello e Brunello, il capitale umano delle campagne

Berlino 24 febbraio – (ldc) – Quanto è difficile essere agricoltori in un mondo globalizzato e industrializzato come quello che non ci fa neanche percepire più lo scorrere naturale delle stagioni? Kulinarisches Kino, la sezione della Berlinale dedicata al cibo e alle tradizioni anche dal punto di vista delle politiche culturali che sono dietro la perdita dei valori ‘genuini’, risponde con un film italiano, Lorello e Brunello, il documentario di Jacopo Quadri, prodotto da Vivo Film, Ubulibri e Rai Cinema, che è anche nella selezione finalista dei Nastri d’Argento Documentari. Un film che Quadri ormai non più solo montatore ma anche regista a tutti gli effetti dedica ai suoi vicini di casa in Maremma, appunto Lorello e Brunello Biondi, di cui mette a fuoco la storia, semplice e particolarmente significativa, girata in provincia di Grosseto, in una fattoria dove si allevano pecore e si produce fieno. La storia di una fattoria di famiglia in cui i due fratelli lavorano, come i loro antenati, dall’alba a notte fonda, per mandare avanti non solo il lavoro agricolo, che ormai è largamente meccanizzato, ma anche combattendo contro la fame dei lupi che ogni notte minacciano le loro greggi. Vincitore del Premio Cipputi al Festival di Torino come spiega Quadri, “è un film sul lavoro, la terra, le stagioni. Sul caldo e la siccità. Ma anche sul tempo e la solitudine”. Racconta le regole della campagna, dall’allevamento, alle semine, ai raccolti, in una cronaca delle giornate in campagna fatte non di silenzio, ma in un’azienda agricola, anche di molto rumore, un rumore che assedia letteralmente il silenzio di una terra dove il fango e il vento non sono più gli ingredienti tradizionali del quotidiano, considerati i cambiamenti dell’economia contadina. Un film sul capitale umano delle campagne, insomma, ma anche, sull’ineluttabilità di un cambiamento che sta cancellando un mondo, con le sue tradizioni tramandate di padri in figli.

Leggi anche