sabato, 21 settembre 2019

Addio ad Ettore Conti

Addio ad Ettore Conti

Roma, 28 luglio – Si è spento a Formello (Roma) il 26 luglio a 93 anni, circondato dall’affetto dei suoi cari, l’attore e doppiatore Ettore Conti.

Nato a Sesto San Giovanni (Milano) il 14 dicembre 1924, ha calcato il palcoscenico dal 1942, nella compagnia di Memo Benassi. Poi, dal 1947, è approdato al Piccolo Teatro di Milano dove ha recitato nel ruolo di Silvio nell’Arlecchino servitore di due padroni, diretto da Strehler, per poi passare in allestimenti successivi, fino a fine anni ’80, alla parte di Florindo e di Pantalone. Tra gli altri suoi spettacoli Delitto e castigo e L’anima buona di Sezuan con Strehler; Don Giovanni diretto da Orazio Costa e negli anni 90 L’avaro per la regia di Lamberto Puggelli.

Uomo di grande ironia, negli ’60, ’70 e ’80 ha recitato in decine di sketch e programmi televisivi con Gino Bramieri, Paolo Villaggio, Walter Chiari, Raimondo Vianello, Sandra Mondaini e Virna Lisi con i quali è stato anche protagonista di diversi siparietti in Carosello.
La carriera di doppiatore

Tra i grandi attori che ha doppiato, Fred Astaire (Cenerentola a Parigi), Leslie Phillips (Cenerentola per sempre), Peter Vaughn (The mother), Claude Rich (Toulouse-Lautrec), Ian Holm (Existenz), Jim Broadbent (The Avengers – Agenti speciali), John Wood (Chocolat). E’ stato anche voce fra gli altri, di Cesar Romero/ Joker nella serie cult ‘Batman’ di fine anni ’60; di Bernie Kopell, interprete del medico di bordo nella serie Love Boat, di Arthur Miller in Eden di Amos Gitai, per la Disney di Gallo Cedrone in ‘Galline in Fuga’ e in Harry Potter del Cappello Parlante.

Leggi anche