lunedì, 3 ottobre 2022

Venezia 79, va a Siccità il Soundtrack Stars Award per la colonna sonora

Venezia 79, va a Siccità il Soundtrack Stars Award per la colonna sonora

Venezia, 9 settembre- Va a Siccità di Paolo Virzì il Soundtrack Stars Award 2022 per la miglior colonna sonora tra i film della selezione ufficiale di #venezia79. Lo ha deciso la Giuria del Premio che oggi ha premiato il Maestro Franco Piersanti autore delle musiche del film, prodotto da Wildside e Vision Distribution.

Una scelta che dà alla musica un ruolo importante rendendola protagonista tra gli interpreti di un cast corale, in un contrappunto alle immagini e alle pagine della sceneggiatura che fin dalla prima scena entra nel film discretamente ma con un ruolo anche ‘visibile’ nella presenza di un’orchestra.

Un legame indissolubile quello del cinema italiano con la musica. In particolare quest’anno lo abbiamo visto nei film in concorso di Venezia79: dalle sonorità del Duecento nell’Umbria francescana di Susanna Nicchiarelli in Chiara alla memoria delle canzoni come un leitmotiv nella vita e nei sogni dei personaggi come accade ne L’immensità di Emanuele Crialese nel quale la straordinaria performance di Penélope Cruz fa rivivere brani iconici di Raffaella Carrà e Patty Pravo.

Una menzione speciale della giuria va a Rodrigo D’Erasmo per le musiche originali del documentario scritto e diretto da Francesco Zippel Sergio Leone- L’italiano che inventò l’America, una produzione Sky Studios e Sky Italia con Leone Film Group che rende omaggio ad una delle grandi leggende del cinema mondiale ovvero Sergio Leone.
D’Erasmo ha saputo utilizzare nel racconto musica inedita e grandi classici del repertorio di Ennio Morricone ma anche un gioco dei rumori che, d’intesa con Leone proprio il grande Morricone aveva reso protagonisti: dal fischio al cigolìo di una porta fino al ritmo di quella celebre goccia che cade su sulle falde di un cappello.

In occasione del decennale del Soundtrack Stars Award il Premio della Critica è andato a Stefano Bollani. Compositore, pianista e autentico mago del jazz, Bollani è un interprete unico dotato della capacità di trasformare la creatività in empatia e le note in un pentagramma emotivo, unendo la musica al teatro e sempre di più al cinema, in un viaggio capace di farci volare tra divertimento e impegno, anche attraverso le colonne sonore, proprio come le sue dita sui tasti del pianoforte.
Nell’ edizione del Soundtrack Stars Award 2022, che spegne quest’anno dieci candeline, un Premio della Critica dedicato, dunque, ad un artista dal talento poliedrico, proclamato dalla rivista “Musica Jazz” nel 1998 il miglior nuovo talento e che negli anni ha visto la sua carriera spaziare tra diversi settori dello spettacolo (dalla musica, al cinema, dal teatro alla tv) e tra diversi generi musicali (dal jazz al pop alla musica classica).

La Giuria del Soundtrack Stars Award 2022 è composta da Laura Delli Colli (Presidente, in rappresentanza del SNGCI) e dai giornalisti Carola Carulli (Tg2), Elisabetta Esposito (Gazzetta dello Sport), Giuseppe Fantasia (Il Foglio), Lavinia Farnese (Cosmopolitan), Tiziana Leone (Ciak), Antonella Nesi (Adnkronos), Marina Sanna (Rivista del Cinematografo), Stefania Ulivi (Corriere della Sera), Alessandra Vitali (La Repubblica).

In occasione del decennale del Soundtrack Stars Award, Andrea Camporesi, founder di Free Event, che organizza e produce il Premio ha dichiarato: “Dieci anni sono un traguardo importante ma soprattutto una grande conferma di aver fatto la scelta giusta a credere nel sogno d’ideare e produrre il Soundtrack Stars Award. Aver dato il nostro piccolo contributo per valorizzare la Musica nel Cinema ed averlo fatto a Venezia ci riempie di gioia oltre che di motivazioni per continuare questo percorso nei prossimi decenni. Vorrei ringraziare la Biennale, il SNGCI e la sua Presidente, Laura Delli Colli che, insieme ai giornalisti in Giuria, ha creduto nel premio, rendendolo unico e contribuendo a farlo crescere anno dopo anno.”

“Vorrei ringraziare personalmente la Giuria” aggiunge Laura Delli Colli “avendone ereditato la guida dopo una prima edizione clamorosamente guidata da Giuliano Montaldo e Cesare Cremonini da Gianni Canova, perché fin dai primi anni ha saputo valorizzare l’eccellenza dei maestri e cogliere, insieme, la grandezza e il ruolo in molti casi assolutamente speciale della musica nel cinema più autoriale come nei film più originali, premiando le colonne sonore dei film di Emma Dante e Alejandro González Iñárritu come delle opere di Guadagnino, Konchalovsly e Todd Philips senza dimenticare il cinema in concorso di autori italiani che rendono sempre la musica protagonista, come Gabriele Mainetti un anno fa, o Susanna Nicchiarelli e i Manetti Bros. Un palmarès straordinario, a rileggere titoli e autori, che siamo fieri di aver segnalato alla Mostra e al pubblico”

Ideato e prodotto interamente da Free Event, gruppo da anni protagonista nel settore musicale, Soundtrack Stars Award è il Premio collaterale della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, promosso con i Giornalisti Cinematografici Italiani (SNGCI), che valorizza la musica nel cinema nel suo ruolo chiave, imprescindibile nella produzione di un film, da autentica protagonista tra gli interpreti del set. E la colonna sonora che il premio sceglie ogni anno tra i film nel Concorso Ufficiale della Mostra sa trasformarsi in un’autentica sceneggiatura nella sceneggiatura, un copione scritto con le note che accompagna ed esalta le emozioni di ogni storia.

Leggi anche