sabato, 23 settembre 2017

Una donna conquista Berlino

Una donna conquista Berlino

Berlino, 18 febbraio – E’ una donna a stringere tra le mani l’Orso d’Oro della 67.ma Berlinale: Ildiko Enyedi ha vinto con l’intenso On Body and Soul, sbaragliando il favorito di quest’edizione, Aki Kaurismaki, visibilmente stupito e contrariato per non essersi imposto con il suo The other side of Hope, che ha comunque ricevuto il Premio per la migliore regia.

Il Gran Premio della Giuria è andato a Felicité di Alain Gomis (realizzato con il sostegno di Final Cut in Venice, il workshop organizzato dalla Biennale di Venezia). Tra gli altri vincitori, il premio Alfred Bauer per il cinema è stato assegnato a Pokot di Agnieszka Holland, l’Orso d’argento per la miglior interpretazione femminile a Kim Minhee, protagonista di On the Beach at Night Alone di Hong Sangsoo, mentre sul fronte maschile si è distinto l’attore Georg Friedrich per Bright Nights di Thomas Arslan. E ancora, il Premio per la sceneggiatura è stato vinto da Sebastiàn Lelio e Gonzalo Maza per Una mujer fantastica (regia dello stesso Lelio).

Tutti i vincitori:

Orso d’Oro Miglior Film
Testről és lélekről (On Body and Soul) di Ildikó Enyedi

Orso d’Argento Gran Premio della Giuria
Félicité di Alain Gomis

Orso d’Argento – Premio Alfred Bauer
Pokot (Spoor) di Agnieszka Holland

Orso d’Argento Miglior Regia
Aki Kaurismäki per Toivon tuolla puolen (The Other Side of Hope)

Orso d’Argento Miglior Attrice
Kim Minhee in Bamui haebyun-eoseo honja (On the Beach at Night Alone) di Hong Sangsoo

Orso d’Argento Miglior Attore
Georg Friedrich in Helle Nächte (Bright Nights) di Thomas Arslan

Orso d’Argento Miglior Sceneggiatura
Sebastián Lelio and Gonzalo Maza per Una mujer fantástica (A Fantastic Woman) di Sebastián Lelio

Orso d’Argento Miglior Contributo Artistico
Dana Bunescu per il montaggio del film Ana, Mon Amour di Călin Peter Netzer

La giuria del concorso opera prima, composta da Jayro Bustamante (Guatemala), Clotilde Courau (Francia) e Mahmoud Sabbagh (Arabia Saudita), ha premiato:

Premio GWFF Miglior Opera Prima Estiu 1993 di Carla Simón

La giuria del concorso cortometraggi, composta da Christian Jankowski (Germania), Kimberly Drew (USA) e Carlos Núñez (Cile), ha così deciso:

Orso d’Oro Miglior Cortometraggio Cidade Pequena di Diogo Costa Amarante

Orso d’Argento della Giuria Ensueño en la Pradera di Esteban Arrangoiz Julien

Premio “Audi” Cortometraggi Street of Death di Karam Ghossein

Menzione Speciale Cortometraggi Centauro di Nicolás Suárez

Cortometraggio Selezionato per gli EFA Os Humores Artificiais di Gabriel Abrantes

La giuria documentari, composta da Daniela Michel (Messico), Laura Poitras (USA) e Samir (Iraq / Svizzera), ha assegnato il suo premio a Istiyad Ashbah di Raed Andoni

 

(Credit photo: Ali Ghandtschi; presa dal Facebook della Berlinale)

 

Leggi anche