venerdì, 25 settembre 2020

Spike Lee presidente di giuria a Cannes 2020

Spike Lee presidente di giuria a Cannes 2020

Roma, 14 gennaio – Spike Lee sarà presidente della giuria al prossimo Festival di Cannes. “A 62 anni, il regista, sceneggiatore, attore, montatore e produttore, ha realizzato numerosi film che sono diventati cult e ha portato nel cinema contemporaneo le domande e le questioni controverse dei nostri tempi. Ma non ha mai perso di vista il pubblico, proponendosi di aumentare la consapevolezza delle sue cause in film dopo film” si legge nel comunicato ufficiale.

Spike Lee assegnerà la Palma d’oro alla chiusura della 73a edizione, che si svolgerà dal 12 al 23 maggio 2020. La selezione sarà svelata a metà aprile.

“Per me il Festival del cinema di Cannes (oltre ad essere il più importante festival cinematografico del mondo – nessuna mancanza di rispetto per nessuno) ha avuto un grande impatto sulla mia carriera cinematografica. Si potrebbe facilmente dire che Cannes ha cambiato la traiettoria di chi sono diventato nel cinema mondiale” commenta il cineasta.
Nel 2018, dopo un’assenza di 22 anni, il regista di Brooklyn Spike Lee è tornato in Concorso con BlacKkKlansman che ha ottenuto il Grand Prix seguito dall’Oscar per la sceneggiatura non originale.

“La prospettiva di Spike Lee è più preziosa che mai. Cannes è una patria naturale e una cassa di risonanza globale per coloro che (ri) risvegliano le menti e mettono in discussione le nostre posizioni e le idee fisse. La personalità sgargiante di Lee sicuramente cambierà le cose” dice il delegato generale del Festival Thierry Fremaux

Spike Lee succederà ad Alejandro G. Iñárritu, la cui giuria, nel 2019, ha conferito la Palma d’oro al Parasite del regista coreano Bong Joon-ho, che continua a essere un grande successo nei cinema di tutto il mondo e ha appena vinto il Golden Globe per Miglior film straniero.

Leggi anche