martedì, 11 dicembre 2018

Scorsese per il restauro di San Michele aveva un gallo

Scorsese per il restauro di San Michele aveva un gallo

Roma, 9 ottobre – Il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale sarà presente con numerosi titoli alla Festa del Cinema di Roma, in programma dal 18 al 28 ottobre all’Auditorium della capitale.

Il primo importante restauro, realizzato in collaborazione con l’Istituto Luce-Cinecittà, sarà San Michele aveva un gallo, diretto da Paolo e Vittorio Taviani nel 1972. Il restauro, che è stato tra l’altro supervisionato dal direttore della fotografia del film Mario Masini (diplomato al Csc nel 1961), è stato fortemente voluto da Martin Scorsese, che durante la Festa del cinema riceverà il premio alla carriera direttamente dalle mani di Paolo Taviani. Sarà lo stesso Scorsese a presentare la proiezione di San Michele aveva un gallo, che è ovviamente un omaggio a Vittorio Taviani, scomparso lo scorso 15 aprile. Ispirato al racconto Il divino e l’umano di Tolstoj, il film racconta la parabola di un rivoluzionario risorgimentale (magnificamente interpretato da Giulio Brogi) che vede le proprie utopie crollare di fronte alla nuova realtà del socialismo scientifico.

San Michele aveva un gallo sarà proiettato mercoledì 24 ottobre, alle ore 16, in Sala Petrassi, alla presenza di Paolo Taviani e di Martin Scorsese.

Un altro importante restauro presentato dal Csc-Cineteca Nazionale è Italiani brava gente, una coproduzione italo-sovietica girata nel 1964 da Giuseppe De Santis (che del Csc è stato, per anni, docente). È un grande film epico e spettacolare che si inserisce all’interno della tradizione del cinema sovietico sulla “Grande guerra patriottica”, come i russi definiscono la seconda guerra mondiale. Il tutto esaltato dallo stile e dalla sensibilità di De Santis, che racconta l’odissea di alcuni soldati italiani durante la campagna di Russia e il loro rapporto, conflittuale ma anche a tratti solidale, con l’Armata Rossa e soprattutto con la popolazione sovietica. Il restauro è stato realizzato dalla Cineteca Nazionale a partire dai negativi originali 35mm e dalla colonna sonora messi a disposizione dalla Galatea, con la collaborazione di Intramovies. Tale restauro è stato possibile – oltre allo sforzo economico della Genoma Films di Paolo Rossi Pisu – grazie anche al contributo di Ebano Spa e della Banca Popolare di Fondi.

Italiani brava gente sarà proiettato sabato 27 ottobre, alle ore 16, in Sala Petrassi alla presenza di Raffaele Pisu, unico protagonista maschile ancora vivente, e della vedova del regista, Gordana Miletic.

Il Csc-Cineteca Nazionale contribuisce anche alla retrospettiva che la Festa del Cinema dedica al grande attore britannico Peter Sellers. Pochi sanno che Sellers diresse anche un film come regista: Il piacere della disonesta (in originale Mr. Topaze, 1961). La Cineteca Nazionale ha messo a disposizione la copia depositata in occasione dell’uscita italiana del film: Il piacere della disonestà è sostanzialmente invisibile da allora, tanto che anche molti esperti di Sellers non lo conoscono e non l’hanno mai visto. È un delizioso film di impianto teatrale, ispirato a una pièce di Marcel Pagnol e interpretato, oltre che dallo stesso Sellers, da Nadia Gray, Michael Gough e Herbert Lom, che pochi anni dopo avrebbe fatto coppia con Sellers nella saga della “Pantera rosa” interpretando il mitico ispettore Dreyfus. La copia depositata in Cineteca è in pellicola ed è doppiata in italiano, il che renderà la visione del film doppiamente “vintage”: per il supporto, e per le voci italiane che rendono Il piacere della disonestà un esempio della cosiddetta “epoca d’oro” del nostro doppiaggio.

Il piacere della disonestà sarà proiettato sabato 27 ottobre, alle ore 18, alla Casa del Cinema.

Sempre dalla Cineteca Nazionale provengono i tre capolavori – Otto e mezzo, Bellissima, C’era una volta in America – che verranno proiettati nell’ambito dell’omaggio a Cinecittà nella tensostruttura Cinema Hall, allestita appunto da Istituto Luce-Cinecittà in occasione della Festa. È un piccolo festeggiamento per il ritorno dei teatri di posa e dei laboratori di Cinecittà sotto il controllo pubblico. Come scrive il presidente di Cinecittà Roberto Cicutto, “vogliamo celebrare il primo compleanno della Cinecittà tornata pubblica con la proiezione di alcuni fra i titoli più prestigiosi nati fra le sue mura. Ringrazio la Direzione Generale Cinema del MiBAC, la Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia per averci accompagnato in questo breve viaggio nella nostra storia, e la famiglia Leone per averci concesso di mostrare il capolavoro di Sergio Leone C’era una volta in America”.

C’era una volta in America (Sergio Leone, 1984) sarà proiettato martedì 23 ottobre, alle ore 15, al Cinema Hall.

Bellissima (Luchino Visconti, 1951) sarà proiettato mercoledì 24 ottobre, alle ore 15, al Cinema Hall.

Otto e mezzo (Federico Fellini, 1963) sarà proiettato giovedì 25 ottobre, alle ore 15, al Cinema Hall.

Leggi anche