mercoledì, 23 agosto 2017

Santa Croce Effetto Notte: la sesta edizione tra passato e presente

Santa Croce Effetto Notte: la sesta edizione tra passato e presente

Roma, 15 luglio – Un sogno di molte notti di mezza estate: è questo il biglietto da visita della rassegna Santa Croce Effetto Notte, che quest’anno approda alla sesta edizione.

Dal 15 al 31 luglio il parco archeologico di Santa Croce in Gerusalemme si trasforma in un’isola verde nel cuore della città, dove un mix di cinema, archeologia, musica e cultura attende il pubblico.

Visite guidate, musei aperti, concerti e, soprattutto, la magia del cinema in una delle più grandi e suggestive arene estive di Roma, con una programmazione che abbina il cinema di oggi ai classici del passato.

Nel dettaglio, “Schermi Italiani” (15-24 luglio) propone per dieci serate una selezione in digitale dei migliori film italiani della stagione, con un’ attenzione particolare alle opere prime.

Ad inaugurare sarà la proiezione dell’ultima opera di Claudio Caligari “Non essere cattivo”, e, a seguire, il film italiano rivelazione dell’anno, “Lo chiamavano Jegg Robot”, di Gabriele Mainetti.

Le proiezioni saranno precedute o seguite da incontri con registi e attori, tra cui Gabriele Mainetti, Carlo Verdone, Monica Guerritore, Gianfranco Rosi, Stefano Accorsi, Elio Germano, Pierfrancesco Favino.

Dopo i dieci appuntamenti dedicati al meglio del cinema di oggi, il cinema a Santa Croce in Gerusalemme torna protagonista con “Amarcord 35mm”( 25-31 luglio), rassegna che rende omaggio ai classici italiani, con proiezioni in pellicola, un vero e proprio avvenimento nell’era del cinema “digitale”.

Tra i dodici capolavori che potranno essere visti in formato originale (alcuni anche con sottotitoli in inglese per gentile concessione di Cinecittà Luce) ci sono “Il Gattopardo” e “Rocco e i suoi fratelli” di Luchino Visconti, “Ballando ballando” di Ettore Scola, “L’armata Brancaleone” di Mario Monicelli, “Mamma Roma” di Pier Paolo Pasolini, un omaggio ad Anna Magnani a 60 anni dall’Oscar, “Caro Diario” di Nanni Moretti, “Il segno di Venere” di Dino Risi (si allega il programma).

In più quest’anno, sempre nell’area cinema, tre grandi novità e prime assolute:

– Per l’intera durata della manifestazione, nel cortile dell’Arena Mibact, sarà allestita la Mostra di manifesti cinematografici originali, curata dall’Archivio Storico del Cinema Italiano – Associazione Culturale Onlus “Caro Marcello…” dedicata a Marcello Mastroianni nel ventennale dalla sua scomparsa. La mostra sarà arricchita dall’esposizione della mitica automobile Triumph Tr3, spider del film “La dolce vita” (1959) di Federico Fellini;

– Dal 15 al 17 luglio, nell’ambito di Schermi italiani, di pomeriggio a partire dalle 17.00/18.00, nella Sala Rocca della Direzione Cinema, si terrà Ciak d’arte, rassegna di film sull’arte e sul patrimonio artistico, architettonico e paesaggistico a cura di Barbara Cannata. La rassegna sarà inaugurata il 15 luglio alle 17.00 con una tavola rotonda avente per tema: Cinema/Arte, alla quale parteciperanno Antonio Paolucci, Achille Bonito Oliva, Italo Moscati, Marco Maria Gazzano (si allega il programma); proseguirà il 16 /17 luglio con una monografica di film sull’arte del regista svizzero Adriano Kestenholz presentata da Bruno Di Marino. Prima delle proiezioni del 17 luglio alle 18.00 si terrà anche un concerto dell’Ensamble Chordis di Remo Guerrini;

– Domenica 24 luglio e venerdì 29 luglio ci saranno, sempre nella Sala Rocca della Direzione Cinema, due eventi speciali a cura dell’Associazione Giovani Produttori Cinematografici Indipendenti: il 24 alle 19.30 Serata sull’animazione con Giuseppe Squillaci e il 29 alle 19.00 proiezione di WAX: We Are the X di Lorenzo Corvino (2015, 85’). A seguire incontro con l’autore.

 

 

Leggi anche