sabato, 25 novembre 2017

Sabine’s Nursery vince l’International Tour Film Festival

Sabine’s Nursery vince l’International Tour Film Festival

Civitavecchia 17 ottobre – Il documentario tedesco “Sabine’s nursery” (non ospita neonati ma inanimate seppur perfette riproduzioni) di Manuel Rees, ha sbaragliato le centinaia di suoi concorrenti qualificandosi, con il Premio della critica, vincitore assoluto della sesta edizione dell’International Tour Film Festival (ITFF) ospitato nella Cittadella della musica di Civitavecchia ideato e organizzato da Piero Pacchiarotti, Presidente di CivitaFilmCommission. La manifestazione era articolata in 4 sezioni che hanno visto prevalere ancora la Germania nella fiction con “Die besonderen Fähigkeiten des Herrn Mahler” di Paul Phillip, l’Italia nei documentari con “Mwavita – Born at time of war” di Marco Gualazzini, il Brasile nell’animazione con “Dream” di Zombie Studio e la Croazia nel Tourism promotional movie con “Joy of Rab” di Sanjin Badurina.

Al cortometraggio spagnolo “Cisco de Picón la ultima carbonería” di Paco Aragon e David Carmona è stato attribuito il Premio Trajano 1900 award e all’italiano “Maladie” di Santa De Santis e Alessandro D’Ambrosi il Premio Festival del mare. Le opere selezionate hanno raggiunto quest’anno il record di oltre 1700 provenienti letteralmente da mezzo mondo: 98 nazioni.

L’ITFF, oltre ai cineasti professionisti, offre anche “ampio spazio agli studenti e agli insegnanti delle scuole del comprensorio che hanno realizzato con passione i cortometraggi per i progetti a loro dedicati. Occasioni di questo tipo – ha sottolineato Pacchiarotti- rappresentano una crescita per la città e per l’intero territorio”. Il concorso nazionale “L’importanza di volersi bene” è stato vinto dall‘Istituto di istruzione superiore di Civitavecchia Luigi Calamatta con “Erasmus 2017” di Marco De Santis, mentre al primo posto per il Premio Progetto ciak scuola si è classificata la sezione di Santa Marinella del liceo scientifico Galileo Galilei di Civitavecchia che, in collaborazione con l’associazione “Santa Marinella Viva Onlus”, ha realizzato “Breakers” di Alessia Sorbelli, “Cut Edge” di Romana De Giovanni e Sara Presutti e “Helden – Il Canto di Morfeo” di Zeffiro Trionfo.

L’edizione 2017 dell’ITFF ha riservato anche una serata a Paolo Villaggio (scomparso nel luglio scorso) con l’intervento della figlia Elisabetta e una a Roberto Rossellini ricordato, a 40 anni dalla morte, dalla regista Donatella Baglivo che gli ha dedicato un poderoso e toccante documentario e dal Segretario generale del Sindacato giornalisti cinematografici Romano Milani. E con Rossellini non poteva mancare Ingrid Bergman, con lui protagonista di una delle più appassionanti love stories degli anni 50. Ma a Civitavecchia, come una quieta famigliola, figli compresi, abbiamo potuto vederli nelle foto scattate nella villa di Santa Marinella dove hanno trascorso molti anni, esposte in una mostra allestita da Sonia Signoracci. Immagini esclusive ed inedite da lei ricevute direttamente e personalmente da Pia Lindstrom, la figlia che la Bergman ha avuto con il primo marito, insieme a quelle che ci propongono il regista con le sue amate Ferrari e la non meno amata Ingrid. Il colore di un coupé porta addirittura il nome di lei, “grigio Bergman”, un esemplare unico sopravvissuto grazie ad un collezionista americano, che immaginiamo, oltre che appassionato, molto ricco. All’attrice, che nel 1956 non poté ritirare il suo secondo Oscar per l’ostilità della stampa statunitense che non aveva dimenticato i di lei “peccati”, è stato anche dedicato, con la partecipazione della rappresentanza diplomatica svedese, un concerto di musiche di film da lei interpretati curato da Rosario Tronnolone con il soprano svedese Katrina Agorelius e la pianista Lucia Belardelli.

Alla serata conclusiva, condotta da Ombretta Del Monte, sono intervenuti alcuni dei vincitori, anche stranieri, tra cui il tedesco Manuel Rees Premio della critica, Dario Albertini regista di “Manuel” sua opera prima proiettato alla Mostra del cinema di Venezia, il leader dei Tiromancino ma anche regista cinematografico Federico Zampaglione, l’Assessore alla cultura di Civitavecchia Enzo D’Antò, il Sindaco di Santa Marinella Roberto Bacheca, il Presidente della compagnia portuale di Civitavecchia Enrico Luciani, Paolo Masini in rappresentanza del Mibact che con Presidenza del consiglio dei Ministri, Ministero degli Esteri, Regione Lazio e Ambasciata di Svezia – tra gli altri – ha concesso il patrocinio alla manifestazione.

Leggi anche