venerdì, 26 febbraio 2021

Rossi, Glassboy, bimbi tra isolamento, sogni e supereroi

Rossi, Glassboy, bimbi tra isolamento, sogni e supereroi

Roma, 19 gennaio (fr. Pierl) – “Volevo creare un film forte, incisivo, che coinvolgesse il pubblico e riflettesse la purezza e l’autenticità dell’infanzia”. Parola di Samuele Rossi, regista di Glassboy, ispirato dal romanzo vincitore del premio Andersen 2012, Il bambino di vetro di Fabrizio Silei (Einaudi ragazzi). Un family movie per il pubblico più giovane con un cast che comprende Andrea Arru, Giorgia Wurth, Loretta Goggi, Massimo De Lorenzo, Giorgio Colangeli, David Paryla, Rosa Barbolini, Mia Polemari e Stefano Trapuzzano. Dopo aver essere stato l’unico titolo italiano in concorso al Giffoni Film Festival Winter Edition ed aver vinto un premio al Tallinn Black Nights Film Festival, Glassboy, distribuito da Solaria Film in collaborazione con Minerva Pictures, arriva dal 1 febbraio on demand sulle principali piattaforme. In parallelo, dopo la vendita in Germania, sono già in corso trattative per la distribuzione in altri Paesi.

Al centro del racconto, in un linguaggio che “vuole unire realtà e fiaba, per rappresentare bambini di oggi filtrati da un mondo lontano”, dice il regista, c’è Pino (Arru), 11enne costretto da una malattia ereditaria, che lo rende molto fragile, a vivere confinato in casa. Un quotidiano vissuto dal bambino, appassionato di supereroi, quasi esclusivamente circondato da adulti: come gli affettuosi genitori (Wurth e Paryla), ma anche la nonna Helena, dispotica e iperansiosa (Goggi). Tutto cambia quando Pino incontra Mavi (Barbolini), intraprendente coetanea a capo di uno dei gruppi di bambini del paese, gli Snerd. che rende anche un omaggio ai Goonies. Tanti i cambiamenti rispetto al libro di Silei (che ha amato molto il film), a cominciare dall’ambientazione, passata da fine ‘800 ai giorni nostri: “Per me l’importante era non perdere l’energia e il modo autentico che ha Fabrizio di raccontare l’infanzia”. Glassboy si è rivelato anche profetico: “Pino è costretto in casa da una malattia, qualcosa che i bambini stanno realmente affrontando. A causa della pandemia è stata tolta loro in questi mesi la possibilità di vivere il fuori, è stata sottratta la fisicità della scuola”. Pino “è un ragazzino che vive in tutti noi, chiunque ha vissuto l’esperienza di non essere accettato da un gruppo – spiega Andrea Arru, classe 2007 -. E’ un personaggio che affronta un contrasto interiore, vorrebbe fare amicizia, ma allo stesso tempo non vuole creare problemi per il fatto di essere malato”.

In Glassboy, prodotto da Solaria Film con Peacock Film (Svizzera), Wildart Film (Austria) e Rai Cinema, uno dei personaggi adulti più interessanti è Nonna Helena (Goggi, anche fra gli interpreti di Ritorno al crimine di Massimiliano Bruno, ndr) : “Ho detto subito sì a Samuele, mi piaceva tornare a fare quello che facevo da ragazzina, la tv dei ragazzi, con la quale si aveva l’ambizione di rendere il pubblico più giovane un po’ più preparato e pronto come spettatore e lettore. Questo film può aiutarci a riconquistare uno spazio in un genere così importante”.

Leggi anche