lunedì, 5 dicembre 2016

Web Fest premia Fired e Arthur

Web Fest premia Fired e Arthur

Roma, 2 ottobre – L’italiana “Fired” di  Sara Aschelter e Maria Gorini con Francesco Montanari giornalista senza scrupoli e la svizzera Arthur di Nick Rusconi su un serial killer stanco di uccidere hanno vinto come miglior web serie la quarta Edizione del Roma Web Fest, che si è concluso al Maxxi.

Tra gli eventi di quest’anno l’anteprima italiana di una delle serie più attese della stagione, Westworld – Dove tutto è concesso”, targata HBO (debutterà in Italia su Sky Atlantic il 3 ottobre, in contemporanea con gli usa) ispirata all’omonimo film del 1973 (in italiano “Il mondo dei robot”) di Michael Crichton. La serie è ambientata a Westworld, un futuristico resort di lusso che offre ai visitatori un’esperienza senza confini nell’Old West. I ricchi turisti partono per una vacanza in un mondo di fantasia, nel quale possono essere chi vogliono: un coraggioso cow boy o uno spietato giustiziere, uno sceriffo da Far West o il cliente del saloon del villaggio. Ma questo viaggio, apparentemente ludico, finisce per trasformarsi in «un’oscura odissea

Il Maxxi è stato invaso dagli youtuber, protagonisti di Panel e Workshop incentrati sulle nuove professionalità che emorgono proprio grazie al web, ma anche di personaggi famosi curiosi di questa nuova tendenza come Jonis Bashir, Sofia Bruscoli, Elena Russo, Marcelo Fuentes, Elisa Silvestrin, Gabriella Farinon , Rosanna Vaudetti che hanno incontrato protagonisti del web come Ivan Silvestrini, Vincenzo Alfieri, gli Zero, Daniele Doesn’t Matter, Geppo, Violetta Rox, Leon Chiro, Nirckiop, Le Kappa 4you, Marcello Ascani, FJona CaKall e tanti altri.

Ecco i premiati della 4/a edizione:

Premio Sky Award:
“Caves” e “Z the series”
Best Web Serie italiana per RWF:
“Fired”
Best Web Serie Straniera per RWF:
Arthur
Premio Speciale Janssen:
Andrea Martelli
Premio Speciale Movieland
“Romolo+July”
Miglior Web Serie Italiana:
“Il Camerlengo”
Miglior Web Serie Straniera:
“Ana”
Premio film man clips:
“The adventure of broken heart” & “Segreti”
Miglior regia (Italia):
“Connection house”
Miglior regia (Straniera):
“Beard club”
Miglior soggetto/sceneggiatura:
“Lo stagista”
Miglior attrice:
Guia Scognamiglio
Miglior attore:
Francesco Colella
Miglior colonna sonora:
“Z the series”
Miglior fotografia:
“Collins”
Miglior montaggio:
“Forse sono io 2”
Migliori efffetti speciali:
“Airlock”
Miglior scena comica: 
TGPorco
Miglior scena horror:
“Z the series”

Miglior sigla:
“In the park”
Miglior scenografia costumi:
“Camerlengo”
Miglior prodotto indipendente straniero:
“Doppleganger”
Premio miglior idea originale:
“Potere di Roma”
Miglior prodotto indipendente italiano:
“Storie di ordinaria vendetta”

Next prize award:
“domicilio coatto”

Migliore idea non finalista:
“un anno senza di noi”

Premio pubblico della rete: 
“La banda della masciona”

Miglior web serie italiana non finalista:
“the slide projector”

Leggi anche