mercoledì, 11 dicembre 2019

Nastri d’argento ai corti, vincono Falene e Sugarlove

Nastri d’argento ai corti, vincono Falene e Sugarlove

Roma, 6 Giugno – Sono Falene – Moths to flame di Marco Pellegrino e Luca Jankovic (fiction) e Sugarlove di Laura Luchetti per l’animazione i Corti d’argento 2019.

Falene, che aveva vinto tra l’altro il premio speciale di Studio Universal nell’edizione 2018 di Alice nella città, ipotizza e mette in scena, giocando tra realtà e finzione, la tesi surreale della grande farsa mediatica organizzata nel 1969 dagli americani per anticipare l’URSS nella conquista della Luna, affrontando così il tema della scelta tra realtà e finzione ma soprattutto quello della verità che è possibile manipolare attraverso l’uso dei media.

In Sugarlove, presentato anche alla Mostra di Venezia 2018 dalla Settimana della Critica, uno straordinario cast di voci (Pierfrancesco Favino, Anna Ferzetti, Fabio Canino e, ancora, Eleonora Russo, Andrea Bosca, Claudia Potenza, Fabrizia Sacchi) rende ancora più vivi i personaggi di un’animazione stop motion in cui il gioco amaro del destino trasforma in tragedia il sentimento ‘dolce’ di Gemma e Marcello, sposini di zucchero su una torta che attende il matrimonio di una vera coppia, molto meno romantica di loro…

A Inanimate di Lucia Bulgheroni, selezionato un anno fa al Festival di Cannes (Cinefondation) il Nastro speciale Corti d’Argento dell’anno che premia così un corto realizzato da un’autrice italiana di grande talento con tecnologie di ultima generazione e impegno produttivo (inglese) anche nella post produzione.

Annunci e premiazioni oggi a Roma al WE GIL dove sono stati anche consegnati alcuni premi speciali ai corti Per sempre (fiction) diretto da Alessio Di Cosimo e interpretato con straordinaria sensibilità da Lou Castel, Via Lattea di Valerio Rufo, segnalato per la regia e anche in questo caso per il duetto dei due protagonisti Daphne Scoccia, lanciata da Claudio Giovannesi in Fiore e Andrea Carpenzano (dopo Tutto quello che vuoi di Francesco Bruni, La terra dell’abbastanza e quest’anno Il Campione e, ancora, a Gli anni di Sara Fgaier, miglior corto tra l’altro, agli EFA , gli Oscar europei 2018, che affronta il processo creativo di una grande scrittrice del nostro tempo, Annie Ernaux, nel quale ogni parola diventa immagine ed è scelta per far riaffiorare di frammenti di memoria in una Sardegna senza tempo. A Sara Fgaier un premio speciale in una sezione dedicata per la prima volta al cortometraggio di taglio documentaristico (i titoli in selezione speciale riguardano una cinquina ‘variegata’ che comprende tra gli altri Blu della coppia D’Anolfi Parente, che era in concorso a Venezia come un piccolo film, Wash, che arriva dalla Sardegna girato tra le miniere del Sulcis).

I Corti d’Argento, ancora una volta attenti ai cortometraggi che nascono da un impegno nel sociale – se non da una vera e propria militanza nel mondo dell’associazionismo per la solidarietà – hanno selezionato anche quest’anno i titoli che parlano di violenza contro le donne (Con te o senza di te di Angela Prudenzi, premiato dalla giuria di Cuori al buio nell’ambito della Festa del Cinema di Roma) dei rischi e delle limitazioni per patologie spesso invalidanti come l’asma (Aria di Brando De Sica) o il diabete (il piccolo film dell’esordiente Enzo Musumeci Greco) che possono essere, però, vissute con consapevolezza soprattutto quando, riguardano gli adolescenti).

Tra questi corti anche l’ultimo realizzato per promuovere Medicinema da Rolando Ravello, per promuovere il cinema in ospedale e, ultimo arrivato in questa selezione speciale Eyes di Maria Laura Moraci, dove trenta attori recitano ad occhi chiusi. Dedicato alla memoria – e al caso tornato, purtroppo, di attualità in questi giorni – di Niccolò Ciatti, picchiato a morte il 14 agosto di due anni fa in una discoteca vicina a Barcellona. Un episodio di violenza feroce sotto gli occhi di una piccola folla che non solo non accorse in aiuto del ragazzo appena ventiduenne ma che preferì immortalare quella sequenza di morte sullo schermo del cellulare, piuttosto che interrompere quel massacro. Un manifesto per la solidarietà e contro l’indifferenza, con la fotografia di Daniele Ciprì, già premiato da molti Festival e rassegne specializzate.

Tra i segnali di novità di quest’edizione il successo delle registe: quattro a tre tra nastri e premi speciali in un’annata che ha siglato con successo la presenza femminile: altre due erano entrate nella short list finalista e un’autrice tra le più impegnate sui temi delle donne nell’animazione, Maria Di Razza, è comunque entrata nella prima fase della selezione con il suo ultimo corto presentato tra l’altro alle Giornate degli Autori. Sette in tutto infine le registe che figurano nella preselezione proposta alla Giuria del Direttivo dei Nastri d’Argento prevalentemente segnalati o selezionati nei Festival e nelle rassegne specializzate e proposti da Maurizio di Rienzo (delegato Sngci per cortometraggi e documentari).

A SEGUIRE TUTTI I VINCITORI

CORTI d’ARGENTO 2019

● FALENE – MOTHS TO FLAME di Marco Pellegrino e Luca Jankovic (fiction)

● SUGARLOVE di Laura Luchetti (animazione)

Nastro speciale

● INANIMATE di Lucia Bulgheroni (animazione)

PREMI SPECIALI

● PER SEMPRE di Alessio Di Cosimo (fiction)

● VIA LATTEA di Valerio Rufo (fiction)

● GLI ANNI di Sara Fgaier (corti doc)

● EYES di Maria Laura Moraci (società e solidarietà)

RICORDIAMO LE ‘CINQUINE ‘finaliste

FICTION

● FALENE – MOTHS TO FLAME di Marco Pellegrino e Luca Jankovic

● IL MONDIALE IN PIAZZA di Vito Palmieri

● IM BAREN di Lilian Sassanelli

● NESSUNO E’ INNOCENTE di Toni D’Angelo

● VIA LATTEA di Valerio Rufo

ANIMAZIONE

● HO_PE O2 di Francesco Bruno Sorrentino e Antonio Genovese

● MERCURIO di Michele Bernardi

● NEW NEIGHBOURS di Sara Burgio, Andrea Mannino, Giacomo Rinaldi

● ROBOT WILL PROTECT YOU di Nicola Piovesan

● SUGARLOVE di Laura Luchetti

SELEZIONE SPECIALE

CORTI ‘DOC’

● BLU di Massimo D’Anolfi, Martina Parenti

● GLI ANNI di Sara Fgaier

● MALO TEMPO di Tommaso Perfetti

● MY TYSON di Claudio Casale

● THE WASH di Tomaso Mannoni

SOCIETA’ E SOLIDARIETA’

● ARIA di Brando De Sica

● CON TE O SENZA DI TE di Angela Prudenzi

● EYES di Maria Laura Moraci

● QUESTA E’ LA MIA BICI di Enzo Musumeci Greco

● ROBA DA GRANDI di Rolando Ravello

Leggi anche