lunedì, 5 dicembre 2016

Medfilm: la 12.ma edizione

Medfilm: la 12.ma edizione

Roma, 24 ottobre – Torna, dal 4 al 12 novembre a Roma, il MedFilm Festival, il primo e più importante evento in Italia dedicato al cinema del Mediterraneo. Il festival, diretto da Ginella Vocca, si terrà al Cinema Savoy, che ha già ospitato l’edizione 2015 del MedFilm, e nelle Biblioteche e i Centri culturali delle periferie.

Film d’apertura sarà Brooks, Meadows and Lovely Faces (Al Ma’ wal Khodra wal Wajh El Hassan), di Yousry Nasrallah, presentato in anteprima italiana. Tre anni dopo la partecipazione in concorso con After the Battle, il regista egiziano tornerà a Roma per incontrare pubblico e critica. Protagonista attivo della primavera araba, Yousry Nasrallah propone con Brooks, Meadows and Lovely Faces uno scatenato melodramma che, dietro la patina scintillante, nasconde un punto di vista problematico e politico sul proprio Paese, minacciato dalla repressione di ogni dissenso.

Tante, come sempre, le proposte del MedFilm. Per riannodare i fili che uniscono popoli e culture, piuttosto che i muri e le divisioni che li separano, il festival ospiterà due Vetrine speciali dedicate ai Paesi Ospiti d’onore: l’Iran e la Tunisia. E proprio alla Tunisia, arriva in anteprima italiana Hedi di Mohamed Ben Attia, film rivelazione della Berlinale 2016, dove il protagonista Majd Mastoura – che sarà ospite a Roma per presentare il film – ha vinto l’Orso d’Argento come miglior interprete maschile. Una love story ambientata nella città costiera di Mahdia, che – nelle parole del suo autore – “è un’analisi della gioventù tunisina dopo la rivoluzione, il crollo di Ben Ali e ciò che il mondo intero ha poi chiamato la Primavera araba”.

Il MedFilm conferma le sue sezioni competitive: il Concorso Ufficiale “Premio Amore e Psiche”, il Concorso Internazionale Documentari “Premio Open Eyes”, il Concorso Internazionale Cortometraggi “Premio Methexis” e “Premio Cervantes”. Prosegue la collaborazione tra l’Ufficio d’informazione in Italia del Parlamento europeo e il MedFilm Festival con la Va edizione dei Lux Film Days a Roma, importante evento all’insegna del grande cinema europeo contemporaneo. Ampio spazio sarà inoltre dedicato al cinema italiano con la vetrina Le Perle, focus sul nostro cinema indipendente e i suoi giovani autori.

Tra le novità del Concorso 2016, l’apertura del MedFilm a nuove forme linguistiche e narrative. In competizione ci saranno infatti ben due mediometraggi, entrambi dall’Algeria. Kindil di Damien Ounouri (ospite del festival) , fantasy orrorifico che “riflette l’idea del corpo femminile quale luogo di aggressione sessuale e violenza e, sotto certi aspetti, come il fulcro di altre frustrazioni – sociali, economiche, ideologiche – degli uomini” e il metacinematografico Le Jardin d’essai di Dania Reymond, dichiarazione d’amore al cinema e alla gioventù algerina.
 

Leggi anche