venerdì, 2 ottobre 2020

L’Orso d’oro a Touch me not

L’Orso d’oro a Touch me not
Photo Credit To Richard Hubner/Berlinale 2018

Berlino, 24 febbraio – E’ il debutto della romena Adina Pintilie, Touch me not, un’esplorazione profonda dell’intimità e del corpo in varie situazioni, dal sesso alla malattia, a vincere L’orso d’oro come miglior film e il premio come miglior opera prima della 68/a edizione del Festival di Berlino. L’Orso d’argento va a Wes Anderson, per il suo film animato in stop motion, L’isola dei cani. La giuria presieduta da Tom Tykwer ha inoltre assegnato, fra gli altri, il Gran Premio della Giuria al polacco Twarz di Małgorzata Szumowska, e il premio Alfred Bauer per le nuove prospettiva a Marcelo Martinessi per Las herederas. Per lo stesso film, il racconto nel presente di una donna che deve mettere tutto in gioco, è premiata anche la protagonista, la norvegese Ana Brun come miglior attrice. Mentre l’Orso d’argento come miglior attore va al francese Antony Bayon, interprete di un giovane tossicomane in the Prayer (la Prière) di Cedric Kahn.

Touch Me Not arriverà (entro l’anno) in Italia, nelle sale con I Wonder Pictures. E’ una ricerca sul desiderio ma sull’impossibilità di relazionarsi con il corpo, sia il proprio o quello dell’altro, in uno scambio tattile sempre più complesso nella negazione di qualcosa che ha a che fare con la stessa natura delle esperienze emotive più importanti nella costruzione della propria identità. La regista ha lavorato sulle reali personalità e sui background emotivi degli attori, anche non professionisti, che ha voluto nel cast. “Ci siamo tutti reciprocamente trovati e scelti” ha raccontato e ha rivelato di aver chiesto agli interpreti di tenere un diario intimo, personale, raccontando le loro stesse fantasie”. Un viaggio collettivo insomma profondo come un outing. Non solo intorno al corpo ma all’intimità emotiva, raccontata come in un docufilm.

Tutti i premi:

ORSO D’ORO PER IL MIGLIOR FILM
Touch Me Not di Adina Pintilie

ORSO D’ARGENTO – GRAN PREMIO DELLA GIURIA
Twarz DI Małgorzata Szumowska

ORSO D’ARGENTO – PREMIO ALFRED BAUER
The Heiress di Marcelo Martinessi

ORSO D’ARGENTO PER LA REGIA
Wes Anderson per L’isola dei cani

ORSO D’ARGENTO PER LA MIGLIORE ATTRICE
Ana Brun PER The Heiress

ORSO D’ARGENTO PER IL MIGLIOR ATTORE
Anthony Bajon per The Prayer

ORSO D’ARGENTO PER LA SCENEGGIATURA
Manuel Alcalá, Alonso Ruizpalacios per Museum

MIGLIORE OPERA PRIMA
Touch Me Not di Adina Pintilie

ORSO D’ARGENTO PER LO STRAORDINARIO CONTRIBUTO ARTISTICO, COSTUMI O SCENOGRAFIA
Elena Okopnaya per Dovlatov

MIGLIORE OPERA PRIMA
Touch Me Not di Adina Pintilie

ORSO D’ORO PER IL MIGLIOR CORTO The Men Behind the Wall di Ines Moldavsky

AUDI SHORT FILM AWARD
Solar Walk di Réka Bucsi

ORSO D’ARGENTO – PREMIO DELLA GIURIA PER IL CORTO
Imfura di Samuel Ishimwe

BERLINALE GLASHÜTTE ORIGINAL – PREMIO PER IL DOCUMENTARIO
The Waldheim Waltz di Ruth Beckermann

Leggi anche