venerdì, 23 ottobre 2020

L’agnello e Puntasacra fra i vincitori di Annecy Cinema Italien

L’agnello e Puntasacra fra i vincitori di Annecy Cinema Italien

Roma, 28 settembre – E’ L’AGNELLO di Mario Piredda il vincitore della 38. edizione di Annecy Cinéma Italien, tenutosi quest’anno in una forma “ibrida” in programma nelle sale del capoluogo dell’Alta Savoia e online in tutta la Francia e in Svizzera grazie alla piattaforma streaming sviluppata in collaborazione con FestivalScope e Shift72. Il film ha conquistato il Premio del Pubblico e i premi come Miglior film assegnati dalla giuria ufficiale e dalla giuria giovani.

La giuria ufficiale, composta dalla giornalista Yael Hirsch e dai registi Beniamino Barrese e Gianluca e Massimiliano De Serio, ha premiato l’opera prima di Piredda con la seguente motivazione: “L’Agnello ci regala un viaggio nel cuore della Sardegna infuocato e selvaggio come i capelli rossi della brillante attrice Nora Stassi. È anche per noi il film di questo concorso 2020 che meglio combina tutti gli elementi che ci permettono di proiettarsi dall’altra parte dello schermo: personaggi forti e ben incarnati, una trama avvincente sviluppata in modo efficace, un’immagine che riesce creare un’emozione unica portando lo spettatore a seguire passo dopo passo la lotta di Anita”. Mentre la giuria giovani, composta da cinque studenti delle scuole superiori, argomenta così la propria scelta: “Questo film indipendente mostra una performance attoriale incredibile e delle immagini magnifiche della Sardegna, dove il film è stato girato. Ci è piaciuta molto la bella amicizia tra Anita e suo padre e la forza dei due personaggi. È un film molto divertente da guardare, con la figura centrale dell’agnello che lascia senza dubbio qualcosa da interpretare allo spettatore. Personalmente pensiamo che l’agnellino rappresenti la speranza, una caratteristica che Anita ha dall’inizio alla fine”.

Il Premio per la migliore regia, assegnato dalla giuria ufficiale, è andato a PUNTASACRA di Francesca Mazzoleni: “Fin dalle prime immagini, una bellezza fragile si impadronisce di noi, fragile ed allo stesso tempo piena di vita, come la storia e la lotta che gli abitanti dell’Idroscalo di Ostia portano avanti giorno dopo giorno: preservare la loro terra e il loro quartiere. Focalizzato sulla vita quotidiana e sulle parole di poche famiglie, potente nei dialoghi, catturati crudi, e con i riflessi unici del mare che ne illuminano i personaggi, questo scintillante documentario fotografico non fa mai “l’autopsia” di questa comunità per mantenere uno sguardo sempre caloroso e umano”. E Puntasacra ha ottenuto anche il Premio della Giuria CICAE: “Il film si concentra su una società dimenticata, quasi tutte donne che combattono una battaglia sacra per la loro terra, dando un volto a una sofferenza universalmente compresa; il diritto di combattere e preservare la propria casa e la propria cultura. Francesca Mazzoleni riesce a mostrare questa comunità nella sua forma più cruda, lasciando che i protagonisti parlino del loro attaccamento alla terra e seguendo le donne, giovani e meno giovani, mentre organizzano eventi di sensibilizzazione nella loro comunità. Il film è ottimamente girato e la fotografia naturalmente affascinante, permettendo ai protagonisti di esprimersi liberamente in ogni momento”.

Leggi anche