mercoledì, 23 agosto 2017

“La Francia in scena” in Italia

“La Francia in scena” in Italia

Roma, 28 maggio (Romano Milani) – 6 mesi di musica, danza, performaces e arti visive, 170 date in 36 città, oltre 70 spettacoli, 5 mostre d’arte contemporanea, 10 incontri tra operatori italiani ed europei e alcune novità assolute. E’ – in tutta la sua “grandeur”  – la terza edizione di La Francia in scena organizzata dall’Ambasciata di Francia in Italia, con il sostegno dell’Institut français e costruita su misura per “far conoscere – come è stato detto alla presentazione – la straordinaria vitalità artistica francese”.

L’evento più atteso è, come tutti gli anni, “La festa della musica” ideata dal Ministero della cultura francese cui dà la propria collaborazione il nostro dicastero dei Beni culturali e dove appare anche  il comune di Roma. Appuntamento il 21 giugno in piazza Farnese dove si esibiranno la band d’oltralpe La Femme e il cantautore Cosmo, unica esibizione italiana di richiamo.

Tra le novità assolute il progetto speciale Bibliothèques vivantes, per cominciare, che offrirà un panorama della creatività francese attraverso un coinvolgimento intellettuale dei cittadini in quei luoghi naturalmente destinati allo sviluppo del pensiero come le biblioteche. Per fare un esempio: alla Biblioteca nazionale di Roma dal 6 al 9 giugno la regista e coreografa Fanny De Chaillé allestirà una messa in scena in cui, immaginando una personificazione della letteratura, alcuni volontari, dopo aver seguito un seminario, si trasformano in libri umani. Il pubblico li potrà “leggere” e quindi “chiudere” alla fine.  Analoghe performances saranno organizzate in luoghi non di spettacolo come, appunto, le nostre biblioteche pubbliche e private e le mediateche di Istituti francesi di diverse città tra cui  il Centre Saint-Louis di Roma che ospiterà la performance-lecture “Chimère”: definita insolita dalla stessa autrice Emmanuelle Pireyre.

22 sono gli spettacoli di danza contemporanea francese e 13 quelli circensi con un progetto speciale bilaterale, una sorta di cabaret itinerante in Puglia e Basilicata.

Per la prima volta quest’anno Institut Français Italia e Uni-Italia organizzeranno nella torinese Accademia Albertina delle belle arti una giornata dedicata all’istruzione superiore artistica, mentre per far scoprire ai piccoli la sperimentazione, c’è il programma “Génération belle saison” che sarà di scena a Mantova a Roma e a Milano con un teatro delle ombre, un mixer di musica e filmati per celebrare (udite udite!) le ferie pagate che politicamente rappresentarono l’affermazione del diritto al tempo libero e un complesso minimalista fatto di materiali di recupero e oggetti da quattro soldi realizzato da Le petit cirque.

“La Francia in scena” è realizzata su iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, con il sostegno dell’Institut français e del Ministère de la culture et de la communication, della Fondazione Nuovi Mecenati, della Commissione Europa e del nostro Ministero dell’istruzione dell’università e della ricerca.

 

Leggi anche