lunedì, 21 agosto 2017

Il Natale a Londra della Filmauro

Il Natale a Londra della Filmauro

Roma, 14 dicembre (Fr. Palm.) – Sembrano sempre più lontani ormai i tempi dei “cinepanettoni” portati in sala per le feste da Aurelio De Laurentiis: con Natale a Londra – Dio salvi la Regina, diretto da Volfango De Biasi, la scuderia Filmauro fa un altro passo oltre il passato, verso una vera e propria commedia con una storia unitaria, che già da tre anni ha sostituito la struttura ad episodi.

Il film, che esce il 15 dicembre, vede il ritorno di Lillo e Greg, affiancati, tra gli altri, da Paolo Ruffini, Nino Frassica, Ninetto Davoli, il duo Arteteca, Eleonora Giovanardi e Vincent Riotta. Tutto il gruppo è emigrato in Inghilterra ed è alle prese con un furto “eccellente”: per rimediare una grande quantità di soldi per pagare dei debiti, quale idea migliore se non rubare i due adorabili cagnolini della Regina e chiedere un alto riscatto?

“Questo film, dopo Un Natale stupefacente e Natale col boss, è stata la sfida più ambiziosa ed intrigante – racconta De Biasi – La formula del film di Natale sale ad un livello superiore ed unisce contaminazioni pop, amorose e d’azione”.

Aurelio De Laurentiis è soddisfatto della strada scelta: “Abbiamo lasciato un certo tipo di commedia e di amici e abbiamo iniziato un altro percorso, con questi nuovi compagni. Ma è cambiato anche il cinema e ogni dicembre dobbiamo guardarci in faccia e dirci cosa ci inventeremo il prossimo anno. I film natalizi sono un evento e ne escono sempre di più, ma noi siamo sempre qui. Il nostro obiettivo è fare dei film di successo che vadano incontro al pubblico, che muta sempre. E il nostro dovere primario è avere rispetto, di questo pubblico”.

Il produttore è contento anche della squadra attuale: “E’ un piacere lavorare con persone sempre disponibili – afferma – Sono tutti uomini sereni e generosi e la coralità nasce spontanea. Il punto di forza sono l’ottima scrittura e la direzione degli attori da parte di Volgango”. E proprio lui aggiunge: “Si tratta di un percorso. E’ bello osare ogni volta di più e realizzare dei film che catturino e che la gente si ricorda nel tempo”.

Lillo e Greg sono una conferma del cast: “Ci siamo divertiti a muoverci tra comicità e action – dichiara Lillo – Ci piace anche l’aspetto da cartoon della violenza che diventa comica, io sono cresciuto con la coppia Spencer/Hill”.

Paolo Ruffini aveva già lavorato in un “cinepanettone”: “Io ho vissuto sia la vecchia guardia, sia la nuova ondata. E’ una crescita bella che si fa per mano, con la Filmauro esiste l’industria ma anche l’ambiente familiare. Questo film ha il pregio di avere una dimensione più favolistica, un impianto da commedia all’italiana che strizza l’occhio alle pellicole americane. E’ un’opera che fa star bene”.

 

Leggi anche