giovedì, 9 dicembre 2021

Berlinale: L’Orso d’Oro a Willem Dafoe

Berlinale: L’Orso d’Oro a Willem Dafoe

Berlino, 20 Febbraio (red.Cin.)- Da Platoon, 1986, diretto da Oliver Stone, in cui era il sergente Grodin nella guerra del Vietnam, ad Antichrist di Lars von Trier del 2009, da Vivere e morire a Los Angeles, diretto da William Friedkin nel 1985, al Pasolini di Abel Ferrara di quattro anni fa, sono dieci alla Berlinale 68 i film dell’Homage a Willem Dafoe, che ha oggi ricevuto dalla Berlinale il prestigioso Orso d’Oro alla carriera. “Willem è un amico del Festival ed è stato spesso ospite alla Berlinale in passato, anche come membro della giuria internazionale, nel 2007” ha detto, premiandolo, il direttore della Berlinale, Dieter Koesslick. “L’Orso d’oro onorario conferma e riconosce un suo importante traguardo”.

Dafoe, tra gli attori più amati del cinema statunitense, è anche un po’ italiano non solo per il passaporto che ha avuto dopo aver sposato la regista Giada Colagrande. Orgoglioso di aver ottenuto recentemente anche la cittadinanza italiana dice “In Italia ho famiglia, amici e la mia vita sentimentale. E sto diventando a poco a poco italiano anche nelle piccole cose di tutti i giorni…Nella mia vita nomade, l’Italia è sentirsi a casa”

Nato nel Wisconsin nel 1955, Willem Dafoe ha girato più di 100 film: “la sua enorme portata tecnica come attore – afferma la Berlinale nella motvazione del riconoscimento – si estende dalla personificazione dell’insondabile cattivo del cinema fino ad arrivare al ritratto di Gesù di Nazareth”. Aveva appena 17 anni, Willem, quando ha iniziato a fare l’attore, prima in teatro poi al cinema. L’ ultimo film che ha girato è The Florida Project diretto da Sean Baker e per quest’interpretazione Willem Dafoe è stato già candidato come miglior attore non protagonista a molti premi. Dafoe è anche nominato agli Oscar® per la sua performance in The Florida Project (Un sogno chiamato Florida) la sua terza candidatura, dopo Platoon e L’ombra del vampiro, anche se questa volta come non protagonista.

Oltre Un sogno chiamato Florida, sarà presto nell’horror The Lighthouse , il guardiano di un faro nella Nuova Scozia all’inizio del 1900. Dafoe sarà anche nel cast del film che segnerà il ritorno alla regia di Edward Norton, Brooklyn senza madre ispirato all’omonimo romanzo.

Leggi anche