mercoledì, 23 agosto 2017

Il ritorno di Soldini

Il ritorno di Soldini

Roma, 20 luglio – Silvio Soldini torna al cinema dal 7 settembre con un documentario sulla storia di Alberto Casiraghy, editore, illustratore, fondatore della casa editrice Pulcinoelefante, che a Osnago, è il punto di riferimento di molti artisti e poeti, gli amici che insieme a lui custodiscono la sua stampante meccanica a caratteri mobile. Soldini lo racconta nel film Il fiume ha sempre ragione, dedicato anche a un’altra storia, quella di un uomo che molto lontano,da Osnago, a Mendrisio, ha fondato il suo Atelier della Stampa e della Rilegatura d’Arte e per realizzare le sue edizioni artistiche unisce grafica e restauro. E’ Josef Weiss , carattere completamente diverso da quello di Casigaghy al quale è legato dalla passione per le tecniche di tipografia ma  anche dall’amicizia e dalla stima di grandi autori: nel loro atelier sono passati Alda Merini, Bruno Munari, Allen Ginsberg.

“Sono entrato in punta di piedi e mi sono messo in un angolo a osservarli, a cercare di capire, per arrivare a cogliere la poesia dei loro gesti – ha raccontato Soldini – Il fascino per il loro lavoro e per il modo in cui lo affrontano è stata la molla iniziale, ma solo adeguandomi al loro ritmo ho capito la forza del loro rapporto con la vita, che li fa essere personaggi straordinari, nella loro apparentemente umile e profonda umanità”.

Il film è stato presentato in anteprima mondiale a Biografilm festival a Bologna.

 

Leggi anche