lunedì, 6 luglio 2020

I 56 film col bollino di Cannes, da Anderson a Kawase

I 56 film col bollino di Cannes, da Anderson a Kawase
Photo Credit To Christophe Bouillon /Festival di Cannes

Roma, 3 giugno – Sono arrivati i 56 film con il Bollino del Cannes Film festival, che dopo aver saltato l’edizione fisica a causa del Covid-19 non ha rinunciato a presentare una propria selezione. Una lista in cui non ‘è nessun italiano, o quasi, visto che il delegato del Festival Thierry Freamux descrive come quasi italiano ‘La chasse à la truffe'”, un documenario Usa girato in Italia, su un gruppo di cacciatori di tartufo; dimentica però la coproduzione italiana Last words di Jonathan Nossiter, film apocalittico girato in Italia con Nick Nolte e Alba Rohrwacher.

Al Festival, sottolinea Fremaux, sono arrivati “oltre 2067 lungometraggi, un record per Cannes”. Fra i 56 scelti (erano 59 nel 2019), provenienti da 147 Paesi, sono confermati titoli di cui si parlava come The French Dispatch di Wes Anderson, Été 85 di François Ozon o True Mothers di Naomi Kawase, cui si aggiungono fra gli altri, Lovers Rock e Mangrove di Steve McQueen, Druk (Another Round) di Thomas Vinterberg, ADN di Maïwenn, Heaven: to the land of happiness di Im Sang-soo, El olvido que seremos di Fernando Trueba. Tra i documentari, 9 jours à Raqqa do Xavier de Lauzanne. Fra le commedie (cinque in tutto), Antoinette dans le cevennes di Caroline Vignal, L’origine du monde de Laurent Lafitte e Le discours de Laurent Tirard. presente anche l’animazione, con l’attesa nuova opera Pixar ‘Soul’di Pete Docter; Son Aya to majo(Earwig and the Witch) di Gorô Miyazaki, figlio di Hayao, Flee di Jonas Poher Rasmussen e Josep di Aurel.

Sedici sono i film diretti da donne, e 15 le opere prime. “Con il logo di Cannes speriamo di indurre il pubblico a tornare in sala a vedere i film della selezione – ha spiegato Fremaux -è il miglior modo di aiutare il cinema in questo momento”. I film della selezione troveranno una platea anche in altre grandi rassegne internazionali, come Toronto, Roma o San Sebastian. Nessuna notizia su una possibile collaborazione anche con Venezia, alla quel avevano accennato nelle scorse settimane sia Fremaux che Alberto Barbera.

Tutti i film della selezione
“The French Dispatch” di Wes Anderson (Usa)
“Summer of 85″ di François Ozon (Francia)
“True Mothers” di Naomi Kawase (Giappone)
“Lovers Rock” di Steve McQueen (Gran Bretagna)
“Mangrove” di Steve McQueen (Gran Bretagna)
“Another Round” di Thomas Vinterberg (Danimarca)
“DNA” di Maïwenn (Francia/Algeria)
“Last Words” di Jonathan Nossiter (Usa)
Heaven: To the Land of Happiness” di Hong Sang-soo (South Korea)
“Forgotten We’ll Be” di Fernando Trueba (Spain)
“Peninsula” di Yeon Sang-ho (South Korea)
“In the Dusk” di Sharunas Bartas (Lituania)
“Home Front” di Lucas Belvaux (Belgium)
“The Real Thing” di Koji Fukada (Giappone)
“Passion Simple” di Danielle Arbid (Lebanon)
“A Good Man” di Marie Castille Mention-Schaar (Francia)
“Les Choses Qu’on Dit Les Choses Qu’on Fait” di Emmanuel Mouret (Francia)
“Squad” di Ayten Amin (Egitto)
“Limbo” di Ben Sharrock (Gran Bretagna)
“Red Soil” di Farid Bentoumi (Francia)
“Sweat” di Magnus Von Horn (Svezia)
“Teddy” di Ludovic and Zoran Boukherma (Francia)
“February” di Kamen Kalev (Bulgaria)
“Ammonite” di Francis Lee (Gran Bretagna)
“Un Médecin de Nuit” di Elie Wajeman (Francia)
“Enfant Terrible” di Oskar Roehler (Germania)
“Nadia Butterfly” di Pascal Plante (Canada)
“Here We Are” di Nir Bergman (Israele)
“Falling” di Viggo Mortensen (Usa)
“Pleasure” di Ninja Thyberg (Svezia)
“Slalom” di Charlène Favier (Francia)
“Memory House” di Joao Paulo Miranda Maria (Brasile)
“Broken Keys” di Jimmy Keyrouz (Libano)
“Ibrahim” di Samir Guesmi (Francia)
“Beginning” di Dea Kulumbegashvili (Georgia)
“Gagarine” di Fanny Liatard and Jérémy Trouilh (Francia)
“16 Printemps” di Suzanne Lindon (Francia)
“Vaurien” di Peter Dourountzis (Francia)
“Garçon Chiffon” di Nicolas Maury (Francia)
“Should the Wind Fall” di Nora Martirosyan (Armenia)
“John and the Hole” di Pascual Sisto (Usa)
“Striding Into the Wind” di Wei Shujun (Cina)
“The Death of Cinema and My Father Too” di Dani Rosenberg (Israele)
“L’Origine du Monde” di Laurent Lafitte (Francia)
“Josep” di Aurel (Francia)
“Septet: The Story of Hong Kong” di Ann Hui Johnnie To Tsui Hark Sammo Hung Yuen Woo-Ping e Patrick Tam (Hong Kong)
“The Billion Road” di Dieudo Hamadi (Congo)
“The Truffle Hunters” di Gregory Kershaw and Michael Dweck (Usa)
“9 Jours a Raqqa” di Xavier de Lauzanne (Francia)
“Antoinette dans les Cévennes” di Caroline Vignal (Francia)
“Les Deux Alfred” di Bruno Podalydès (Francia)
“The Big Hit” di Emmanuel Courcol (Francia)
“Le Discours” di Laurent Tirard (Francia)
“Aya and the Witch” di Goro Miyazaki (Giappone)
“Flee” di Jonas Poher Rasmussen (Danimarca)
“Soul” di Pete Docter (Usa)

Leggi anche