sabato, 29 aprile 2017

Fondazione Cinema per Roma: le attività di dicembre

Fondazione Cinema per Roma: le attività di dicembre

Roma, 8 dicembre – La Fondazione Cinema per Roma presieduta da Piera Detassis, realizzerà, lungo tutto il mese di dicembre, una serie di attività che coinvolgeranno l’intera Capitale.

Si inizia mercoledì 7 dicembre con la serata inaugurale della decima edizione del RomaFictionFest, un brand dell’Associazione Produttori Televisivi (APT), prodotta da Fondazione Cinema per Roma, promossa da Regione Lazio e Camera di Commercio di Roma. La manifestazione – che raccoglie le opere più interessanti della serialità televisiva italiana e internazionale in un programma di anteprime, masterclass, incontri e panel – si svolgerà fino all’11 dicembre presso il cinema The Space Moderno con la direzione artistica di Giuseppe Piccioni. Saranno due opere italiane ad aprire e chiudere il RomaFictionFest 2016: In arte Nino si terrà il 7 dicembre alle ore 21, mentre Immaturi – La serie sarà l’evento conclusivo. When We Rise, miniserie ABC Studios scritta dal premio Oscar® Dustin Lance Black, sulla storia del movimento per i diritti LGBT (Gus Van Sant ha diretto i primi due episodi), e Madiba, sugli eventi che hanno segnato la formazione di Nelson Mandela, saranno presentati in prima mondiale.

Nella stessa serata, mercoledì 7 dicembre alle ore 20, la Casa del Cinema ospiterà un evento in occasione del centenario dalla nascita di Mario Carotenuto. La figlia Claretta, attrice e regista teatrale, presenterà in anteprima per il pubblico il suo documentario dal titolo La maschera e il sorriso: l’avventura artistica di Mario Carotenuto. Il film, prodotto dalla Scuola di Tecniche dello Spettacolo e patrocinato dall’Assessorato alla Crescita culturale del Comune di Roma, ha ricevuto l’interesse culturale da parte del MiBACT e la collaborazione di Rai Teche, Istituto Luce e Titanus. L’evento è inoltre patrocinato dalla Fondazione Cinema per Roma e dall’Associazione Sportiva Roma. Con Claretta Carotenuto ci saranno Maurizio Giammusso, Pier Francesco Pingitore, Giovanna Ralli, Gina Rovere, Gisella Sofio, Alvaro Vitali e altre personalità della cultura e dello spettacolo. Condurrà Marco Giusti.

Giovedì 15 dicembre alle ore 19.30 presso il Multisala Barberini, il regista M. Night Shyamalan, autore di alcuni dei più importanti e sorprendenti successi cinematografici degli ultimi venti anni (Il Sesto Senso, candidato a sei Oscar®, Unbreakable – Il Predestinato, Signs), sarà protagonista di una masterclass con il pubblico. L’evento, che rientra nell’ambito di CityFest, è curato e condotto da Mario Sesti in collaborazione con Universal Pictures International Italy. Considerato dalla critica come l’erede di Steven Spielberg, M. Night Shyamalan parlerà del suo ultimo film, il thriller psicologico Split, che sarà mostrato in anteprima prima dell’incontro e uscirà nelle sale italiane il 26 gennaio 2017. Il film esplora i misteriosi meandri della mente dotata, ma frammentata, di Kevin, interpretato dall’attore candidato ai Golden Globe, James McAvoy (Espiazione, L’ultimo re di Scozia, la serie “X-Men”).

Come consuetudine, il programma di CityFest rivolge ampio spazio ai ragazzi e alle famiglie: è dedicata a loro l’anteprima di GGG – Il Grande Gigante Gentile, il nuovo lavoro firmato da uno dei maestri del cinema di tutti i tempi, il tre volte premio Oscar® Steven Spielberg. L’Anteprima – che si terrà domenica 18 dicembre alle ore 11 presso il Cinema Adriano – è organizzata in collaborazione con Medusa, Leone Film Group e con Alice nella città, diretta da Fabia Bettini e Gianluca Giannelli. GGG – Il Grande Gigante Gentile è un adattamento cinematografico del romanzo del 1982 scritto da Roald Dahl e racconta la fantastica storia di una ragazzina e del gigante che la introduce alle meraviglie e ai pericoli del Paese dei Giganti. Il film ha come protagonisti Mark Rylance, nel ruolo del Grande Gigante Gentile, attore vincitore di un premio Oscar®, tre Tony Award® e due Olivier Award e la piccola esordiente Ruby Barnhill. Straordinario il team creativo che include alcuni degli storici e pluripremiati collaboratori di Spielberg fra cui la sceneggiatrice di E.T. – L’Extra-terrestre Melissa Mathison (che firma il suo ultimo lavoro), il direttore della fotografia, Janusz Kaminski, lo scenografo Rick Carter, Michael Kahn al montaggio, la costumista Johanna Johnston e John Williams, il leggendario vincitore di cinque premi Oscar® che ha composto la sua ventiquattresima colonna sonora per un film di Spielberg. Dopo essere stato presentato in anteprima mondiale al Festival di Cannes, GGG – Il Grande Gigante Gentile, un’esclusiva per l’Italia di Leone Film Group in collaborazione con Medusa, sarà nelle sale italiane da venerdì 30 dicembre.

Dopo il successo ottenuto durante la Festa del Cinema, l’Auditorium del Carcere di Rebibbia si aprirà ancora alla settima arte, stavolta nell’ambito di CityFest, in collaborazione con la Ribalta. Martedì 20 dicembre, alle ore 16, il regista Claudio Giovannesi – reduce tra l’altro dall’esperienza della giuria Taodue-Alice nella città per le opere prime e seconde – presenterà la proiezione aperta ai detenuti e al pubblico del suo ultimo lavoro, Fiore. Un film che racconta il mondo dei ragazzi in modo tutto particolare: l’adolescenza, l’amore, la difficoltà di vivere in equilibrio, ambientata nel contesto più difficile, quello di un carcere minorile. La proiezione sarà preceduta dal cortometraggio di Fabio Cavalli Naufragio con spettatore, Menzione Speciale della Giuria del Premio Migrarti alla 73a Mostra del Cinema di Venezia. Il corto è stato girato fra il carcere di Rebibbia e quello di Cassino; i protagonisti sono ancora una volta i detenuti-attori della Compagnia che diede vita a Cesare deve morire. Presentano l’evento Mario Sesti per Fondazione Cinema per Roma e Laura Andreini Salerno per il Centro Studi Enrico Maria Salerno, ancora una volta sotto l’egida della Direzione della C.C. Rebibbia N.C., col sostegno del MiBACT e della Regione Lazio – Assessorato alla Cultura e Politiche giovanili, e col patrocinio di Roma Capitale e del Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo dell’Università Roma Tre.

 “Il lavoro che la Fondazione Cinema per Roma realizza durante il corso dell’anno mira a due importanti e ambiziosi traguardi: quello della qualità e quello della continuità – spiega la presidente Piera Detassis – Tutto ciò si raggiunge costruendo una proposta culturale in grado di incontrare i gusti del nostro pubblico ma anche cercando di fornire, in un panorama già ricco come quello della Capitale, contenuti inattesi, sorprendenti, stimolanti. Nel lavoro di questi anni, abbiamo fatto in modo che questa offerta fosse costante nel tempo e fosse distribuita nell’intera città, lavorando al fianco delle principali realtà del territorio, individuando sinergie e obiettivi in comune”.

 

 

 

Leggi anche