mercoledì, 30 settembre 2020

Doueiri fermato e rilasciato

Doueiri fermato e rilasciato

Roma, 11 settembre – Ziad Doueiri, regista de The Insult, appena presentato alla 74. Mostra di Venezia, vincendo la Coppa Volpi attribuita a Kamel El Basha per la migliore interpretazione maschile, è stato fermato nella notte dalle autorità libanesi, accusato di “collaborazionismo col nemico” israeliano e interrogato con un inaccettabile atto intimidatorio. Per fortuna, è stato trattenuto solo qualche ora e già rilasciato, ma nell’attesa della liberazione il mondo del cinema aveva subito fatto sentire la sua voce, in nome della libertà.

Al fianco di Andrea Occhipinti, distributore del film, anche il SNGCI aveva prontamente espresso la sua solidarietà, come si legge in un comunicato ufficiale:

“Solidarietà dei Giornalisti Cinematografici Italiani al regista libanese, anche autore di West Beirut, fermato a poche ore dalla distribuzione del suo film in Libano. Contrari a tutte le censure e indignati per il vero e proprio sopruso subito dal regista i Giornalisti Cinematografici ricordano che il Sngci che è sempre in prima linea contro ogni censura, per difendere la libertà di espressione.

Anche per questo esprimono solidarietà a tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione di un film coraggioso come The insult fieri che, oltre la Mostra, grazie a una distribuzione coraggiosa e di qualità come Lucky Red, possa presto arrivare anche sugli schermi italiani”.

 

 

Leggi anche