domenica, 11 dicembre 2016

Cresce ancora Alice nella Città

Cresce ancora Alice nella Città

Roma, 23 settembre (Fr. Palm.) – È cresciuta nel tempo, come i ragazzi a cui si rivolge, Alice nella città, sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema di Roma, giunta alla sua 14.ma edizione, che quest’anno, dal 13 al 23 ottobre, compie altri passi: punta ancora di più sul mix di sperimentazione e formazione, conquista una sala nuova – il Cinema Admiral – e soprattutto si apre all’industria, arrivando al mercato del festival, il MIA.

I direttori artistici Gianluca Giannelli e Fabia Bettini lo spiegano soddisfatti ai giornalisti, presentando il nuovo programma che schiera 12 opere in concorso (nessuna parla italiano), 3 film fuori competizione, 2 co-produzioni con la Festa e 2 eventi speciali, più le sezioni Alice/Panorama e Kino Panorama/Italia.

Tra gli ospiti più attesi, Viggo Mortensen, protagonista di Captain Fantastic di Matt Ross, e Matt Dillon, che guida la giuria del Premio Camera D’oro Taodue.

In gara, film che vertono sui temi delle scelte da affrontare, sulla politica e sul disagio familiare: tra questi, 3 Generations – Una famiglia quasi perfetta di Gaby Dellal, con un cast tutto al femminile composto da Naomi Watts, Elle Fanning e Susan Sarandon, sull’identità sessuale in età adolescenziale, il già citato Captain Fantastic, con Mortensen nelle vesti di un padre fuori dal comune che guida la famiglia attraverso l’America, Kubo e la Spada Magica di Travis Knight, lungometraggio d’animazione, Hunt for the Wilderpeople di Taika Waititi, London Town di Derrick Borte, accompagnato da Daniel Huttlestone, Boy on the Bridge di Petros Charalombous, Goodbye Berlin di Fatih Akin, Little Wing di Selma Vilhunen, My First Highway di Kevin Meul e Layla M di Mijke de Jong.

Sull’assenza del cinema italiano, Giannelli chiarisce: “Avremmo preso pellicole, ma siamo stati ‘saccheggiati’ dalla Mostra di Venezia. E altre che volevamo, come quelle di Andrea Molaioli, Andrea De Sica e Paola Randi, non erano pronte”. Il nostro paese, però, è presente nella sezione Panorama con 2Night di Ivan Silvestrini, con Matilde Gioli e Matteo Martari, storia di un incontro e di una notte che può cambiare una vita intera. Ad affiancarlo, Swiss Army Man di Dan Kwan e Daniel Scheinert, Nocturama di Bertrand Bonello e Heaven Will Wait di Marie-Castille Mention-Schaar.

All’interno della sezione Kino/Panorama, invece, curata dai ragazzi del cinema Kino, ci sono la commedia Acqua di marzo di Ciro de Caro e le prime 4 puntate della nuova serie televisiva Mariottide, con Maccio Capatonda, Herbet Ballerina, Ivo Avido e Nino Frassica. Tra gli eventi speciali, in cartellone anche Ho amici in paradiso di Fabrizio Maria Cortese, sulla disabilità.
Passando al fuori concorso, troviamo Cicogne in missione di Nicholas Stoller e Doug Sweetland, con le voci di Federico Russo, Alessia Marcuzzi e Vincenzo Salemme, Rock Dog di Ash Brannon e Max Steel di Stewart Jendler.

Alla migliore opera Prima e Seconda sarà assegnato il premio Camera d’Oro Taodue: a deciderlo, la giuria presieduta da Matt Dillon e composta dalla produttrice Camilla Nesbitt, dall’attrice Anna Foglietta, dai registi Gabriele Mainetti e Claudio Giovannesi e dagli sceneggiatori di Non essere cattivo Giordano Meacci e Francesca Serafini.

Alice nella città propone poi “Nature is Speaking”, il progetto promosso dall’Associazione ambientalista americana Conservation International, che ha realizzato una serie di 12 suggestivi cortometraggi – proiettati prima dei film in programma – dove protagonista è la natura stessa, con i suoi colori, i suoni, le forme e le atmosfere. Le voci degli elementi, scelte alcune tra gli attori di Hollywood, sono state poi doppiate da Pippo Delbono, Anna Foglietta, Thomas Trabacchi, Barbora Bobulova, Sandra Ceccarelli, Lucia Mascino, Piera Degli Esposti, Michele Riondino, Luca Marinelli, Alba Rohrwacher, Giuseppe Cederna e Roberto Herlitzka.

La novità del 2016, “nell’idea di fare sistema”, come ha sottolineato Giannelli, è la partecipazione al MIA con YAS/Young Adults Spotlight, dedicato al prodotto kids, teens e young adults. 6 i progetti di autori emergenti italiani scelti la vetrina del mercato: Giochi dell’altro mondo di Barbara Iannarilli e Giulia Merenda, I cattivi di Claudio Noce, Il fattore T di Francesco Costabile, Il fenomeno di Cosimo Alemà, Under The Same Sky di Ilaria Freccia e Stay Still di Elisa Mishto.

Infine, a completare il calendario, un omaggio a Abbas Kiarostami e alla sua visione dell’infanzia, con una retrospettiva dei suoi film.

 

 

Leggi anche