giovedì, 22 giugno 2017

Cotillard, fantasma per Desplechin

Cotillard, fantasma per Desplechin

Cannes, 17 Maggio (l.d.c.) – Un biopic? Un mélo con ‘effetto notte’ sul cinema francese? E’ soprattutto una storia densa di colpi di scena, interpretata, a tratti, come una pièce teatrale, ma anche un viaggio nella memoria e nel cinema francese che Cannes ha forse più celebrato nella sua storia recente il film di Arnaud Desplechin, scelto per siglare la serata inaugurale di Cannes 70, Les Fantômes d’Ismaël . Stellare il cast francese, soprattutto al femminile, nel quale – tra Marion Cotillard e Charlotte Gainsbourg – spicca anche con un’inedita presenza che aggiunge un tocco di freschezza al racconto, la nostra Alba Rohrwacher.

Sono con questo ben sei le presenze a Cannes di Arnaud Desplechin, che ha dato il via a questa 70ma edizione: cinque i suoi film che a Cannes hanno avuto l’onore di un debutto in anteprima e proprio Desplechin, molto amato un tempo dal Presidente dl Festival Gilles Jacob come, oggi, dal Direttore Thierry Fremaux, sulla Croisette è tornato anche lo scorso anno, come giurato. E’ di nuovo a Cannes, stasera, a siglare la giornata inaugurale del festival che celebra i suoi primi 70anni con un film accolto tiepidamente alla proiezione in anteprima per gli accreditati, un film che racconta insieme una storia di cinema e un viaggio nel’incubo di una memoria capace di riaffiorare senza preavviso. Proprio come riemerge improvvisamente nella vita del protagonista Carlotta, una donna data per morta che riappare al marito fisicamente dopo oltre vent’anni di lontananza in cui ha consumato altre vite, altre storie, altre avventure. Mentre sullo schermo prende corpo la sceneggiatura immaginata da Ismael, la sua vita, già esagitata e piena di incubi, va totalmente fuori controllo quando il fantasma di Carlotta  torna dal suo passato: la credeva morta da oltre vent’anni Ismael, e il padre, disperato, ne aveva anche celebrato una sepoltura in contumacia.

“La vita è questo e le cose della vita a volte si presentano inattese. Come accade in amore quando un sentimento arriva all’improvviso e poi ricapita ancora e ancora”, spiega il regista che ha anche ha vinto una volta, alla Quinzaine, con I miei giorni più belli­­. Interpretata da Marion Cotillard, Carlotta è “un personaggio ambiguo e misterioso”, sottolinea l’attrice che ha iniziato la sua carriera nel 1996 proprio con Desplechin in Comment je me suis disputé (Ma vie sexuelle). Ovvio che lei – una Cotillard sensuale e inquietante che ci regala anche un’inedita scena di danza improvvisata su un brano di Bob Dylan – non vorrebbe essere un fantasma, ma il ricordo di una donna svanita nel nulla, come l’hanno creduta per anni, si scontra con il desiderio improvviso di tornare a tutti i costi ad essere viva rientrando per esempio anche nella vita del marito, seducente e maliziosa più di un tempo. E’ davvero una persona reale, o la vita l’ha condannata ormai ad essere solo un fantasma? Desplechin se lo chiede forse  per tutto il film come Ismael. Ma Ismaël da parte sua ha da fare con il suo film: è un regista ha scritto e deve girare  la storia di suo fratello, in realtà una spia, in realtà suo fratello Ivan, allevato allo spionaggio  da una ‘cupola’ di diplomatici. Con i fantasmi, in questo film, i veri protagonisti sono però gli incubi che agitano il sonno dei due fratelli ammalati entrambi di un morbo che tormenta le loro notti.

Al maschile il film è un duetto a distanza tra i fratelli che sono Mathieu Amalric e Louis Garrel, marito adorabile della giovane Ariane interpretata dalla Rohrwacher. Cotillard, che iniziò la sua carriera proprio ‘scoperta’ da Desplechin nel 1996, è tornata stasera sulla montèe del marches, tutt’altro che fantasma. In Comment je me suis disputé… (ma vie sexuelle) nel 1996 con Cotillard, entrava in scena proprio nel cinema di Desplechin anche Mathieu Amalric, che per la seconda volta nel suo cinema si chiama Ismaël ed è diventato l’attore prediletto del cinema di Desplechin. Un’icona. Che  le donne, però, stavolta, forse finiscono per sovrastare…

Leggi anche