giovedì, 24 settembre 2020

Conto alla rovescia per Fellini 100

Conto alla rovescia per Fellini 100

Roma, 31 gennaio (Fr. Pierl) – Il restauro e la ristampa, in pellicola e in formato digitale, dell’opera omnia di Federico Fellini che viaggerà per tutto il Paese, e sarà proposta al mondo: già prevista la sua programmazione a Los Angeles nell’anno dell’inaugurazione del Nuovo Museo dell’Academy (il Museo degli Oscar) realizzato da Renzo Piano, nonché la presenza nei principali festival internazionali. Un grande impegno che coinvolgerà Istituto Luce Cinecittà, Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale e Cineteca di Bologna, la rete di eventi in preparazione per il 2020, in occasione del centenario della nascita del regista.

Una programma che comprenderà pubblicazioni, proiezioni, mostre, convegni, masterclass che sarà preceduto da un percorso di anticipazioni, a partire dal 1 gennaio 2019, intitolato provvisoriamente “Fellini 100”. Tra gli appuntamenti che si terranno a Cinecittà, al Centro Sperimentale, alla Cineteca di Bologna e in altri luoghi elettivi e raccontati da Fellini, affidando a testimoni viventi del lavoro del Maestro (si pensa a coinvolgere personalità quali Dante Ferretti, Maurizio Millenotti, Roberto Benigni, Nicola Piovani) e a esperti e studiosi, una serie di incontri per analizzare e diffondere il suo modo di lavorare partendo dai mestieri del cinema (scenografia, costumi, recitazione, musica, doppiaggio, scrittura, casting…).

L’impegno del Luce della Cineteca nazionale e della Cineteca nazionale sarà enorme – spiega Felice Laudadio, presidente del Centro Sperimentale di Cinematografica – Cineteca Nazionale – Si creerà una cabina di regia a livello internazionale per costruire un evento che abbia le gambe per camminare diversi anni, superando il 2020. Tra gli obiettivi anche portare Fellini nelle scuole, per dare modo ai ragazzi di scoprire e divertirsi con il suo cinema”. Vengono annunciate le iniziative del Progetto Fellini con quasi 2 anni perché serve il tempo di realizzarle – aggiunge Gian luce Farinelli, direttore della Cineteca di Bologna – Fellini è tante cose ma soprattutto è l’Italia, il suo cinema contiene gran parte della storia e dell’identità del nostro Paese. Dobbiamo conoscere e far conoscere lo straordinario genio nella sua opera”.

Leggi anche