sabato, 20 ottobre 2018

Ciak d’oro, Chiamami col tuo nome miglior film

Ciak d’oro, Chiamami col tuo nome miglior film

Roma, 7 giugno –  Miglior film ai Ciak d’oro 2018 è Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino, che riceve anche i premi per il Miglior Montaggio e il Miglior Manifesto.

Migliori protagonisti  dell’anno sono Paola Cortellesi e Antonio Albanese, interpreti dell’esilarante commedia Come un gatto in tangenziale di Riccardo Milani, grande successo italiano dell’ultima stagione cinematografica.

Napoli Velata di Ferzan Ozpetek vince  CIAK D’ORO Miglior Scenografia e Migliori Costumi. Due targhe vanno anche a Cuori Puri di Roberto De Paolis: il CIAK-Alice Giovani (nato dalla collaborazione del magazine con Alice nella Città) e il  CIAK D’ORO Migliore Opera Prima.

A Luciano Ligabue, ritornato alla regia con Made in Italy, va  il SUPERCIAK D’ORO assegnato dalla redazione, mentre il CIAK D’ORO Classic va a Carlo Buccirosso, protagonista del film dei Manetti Bros, per l’insieme della sua  carriera d’attore.

Il Miglior attore non protagonista è Massimo Ghini per A casa tutti bene, mentre Nicola Nocella è il Colpo di Fulmine  per Easy – Un viaggio facile facile votato dalla redazione di CIAK.

A  Maria Carolina Terzi e Luciano Stella di Mad Entertainment, e a Paolo Del Brocco di Rai Cinema va il CIAK D’ORO Miglior Produttore per Gatta Cenerentola di Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri e Dario Sansone.

Il CIAK D’ORO Bello&Invisibile, votato dalla giuria dei 100 critici e giornalisti, va al bellissimo Dove non ho mai abitato di Paolo Franchi.

Per il quarto anno il premio del mensile di cinema allarga lo sguardo alla serialità d’autore,  con il CIAK D’ORO Speciale Serial Movie assegnato a Salvatore Esposito per il ruolo di Gennaro “Genny” Savastano nella serie Gomorra e per  l’interpretazione cinematografica in Puoi baciare lo sposo. Anche Ornella Muti si aggiudica il premio per il ruolo di zia Ingrid in Sirene,  la prima fiction fantasy della Rai.

Leggi anche