martedì, 19 novembre 2019

Chiara Ferragni, felice di essere d’ispirazione

Chiara Ferragni, felice di essere d’ispirazione

Venezia, 4 settembre –  “Vorrei che da Unposted uscisse un messaggio positivo che emerge dalla mia storia: siate determinate a realizzare i vostri sogni. Sono felice di essere fonte di ispirazione e nel
documentario forse si capisce meglio perche’. E poi magari si superano i pregiudizi su di me'”. Lo dice Chiara Ferragni, la influencer più potente del mondo per la moda, secondo Forbes, parlando del film non fiction  di Elisa Amorus, Chiara Ferragni – Unposted, che traccia il suo ritratto.

Il Film è un’immersione a 360° nella sua sfera pubblica e interiore nella vita della giovane imprenditrice diventata un’icona dei social,  per osservare la posizione che ha conquistato nei mercati della moda e del lusso attraverso i social media, per decodificare ciò che rimane incomprensibile per il pubblico dei social e per indagare come le strategie di marketing e i metodi di intrattenimento siano cambiati nell’ultimo decennio.

“La rivoluzione digitale sta cambiando il modo in cui comunichiamo e i rapporti tra le persone. Le piattaforme social hanno stravolto il mondo del lavoro, del business e dell’economia: un fenomeno globale che ha ristabilito regole e abbattuto barriere. Chiara Ferragni è stata una pioniera di questo mutamento: a trentadue anni è a capo di due aziende – una delle quali, The Blonde Salad, è diventata un case study della Business School di Harvard – e ha 17 milioni di follower – spiega Elisa Amoruso – . Il film ricerca il segreto del suo successo rapido e dirompente, con uno sguardo che non vuole essere giudicante, quanto piuttosto indagatore. Chiara Ferragni è anche la persona che sta dietro al suo personaggio, con le sue fragilità e le sue radici. Proprio queste contribuiscono a spiegare il suo successo in un mondo, quello dei social, che non ha leggi, ma è universale e può offrire una chiave di lettura del nostro presente e del nostro futuro”.

 

Leggi anche