sabato, 20 luglio 2019

Casagrande, Natale ‘love’ budget

Casagrande, Natale ‘love’ budget

Roma, 25 novembre (Red. Cin) –  ”Babbo Natale non viene da Nord è un film low budget che si è trasformato in un film love budget perché abbiamo tutti messo il cuore in quest’impresa, soprattutto io che ho fatto il capitano della nave”. Lo precisa subito Maurizio Casagrande, parlando della sua opera seconda da regista (e protagonista), una commedia “natalizia” nelle sale dal 26 novembre con  Draka Distribution.  Nel cast, accanto a lui, fra gli altri Giampaolo Morelli, la cantante Annalisa, al suo esordio sul grande schermo, Maria Grazia Cucinotta (anche produttrice), Angelo Orlando, Milena Miconi e Eva Grimaldi.  ”In un momento in cui la comicità, molto spesso, fa rima con volgarità e con certi meccanismi qualche volta eccessivamente ‘forti -continua Casagrande –  per suscitare la risata, questo film cerca, sperando di riuscirci, di suscitare il divertimento e il piacere del pubblico, però con la delicatezza”

L’attore e regista nella storia è Marcello, un prestidigitatore, mago con le carte, superficiale e bugiardo con la figlia India (Annalisa), cantante di talento, ma troppo somigliante alla cantante Annalisa, per la quale viene spesso scambiata. Per risolvere il suo difficile rapporto con gli uomini, decide di passare il Natale col padre, che però parte per Salerno, lasciandola a casa. Deve consegnare dei pacchi dono, vestito da Babbo Natale, ma facendolo, cade, batte la testa e perde la memoria. Viene soccorso da Padre Tommaso (Giampaolo Morelli) e dai bambini che vivono con lui. Non ricorda nulla, e vestito com’è, lo chiamano Babbo Natale. Nel frattempo India, delusa e arrabbiata, si mette sulle tracce del padre, accompagnata da Gerardo (Angelo Orlando), cialtrone e incapace manager di Marcello.

Annalisa è molto felice di aver potuto vivere quest’avventura cinematografica:  “Rappresenta per me un’esperienza completamente nuova, ho avuto l’opportunità di far vedere una mia parte che solitamente rimane ben nascosta, quella più autoironica’.’ Secondo lei la commedia ”porta il sorriso  con leggerezza ed eleganza intrise di bei valori”. Casagrande non ha avuto dubbi nello sceglierla come coprotagonista: ”Assomiglia moltissimo a mia sorella quando eravamo piccolini.  Poi c’era bisogno di una ragazza giovane, una brava cantante e che fosse simpatica”.

Leggi anche