venerdì, 18 gennaio 2019

Cannes 71, Jia Zhang-Ke dalla Cina senza amore

Cannes 71, Jia Zhang-Ke  dalla Cina senza amore

Cannes, 13 maggio (red. Cin)- Un ritratto della Cina contemporanea senza più le tradizioni millenarie distrutte dal rito dell’industrializzazione,ma anche le bugie del nuovo capitalismo hanno ispirato il nuovo film di Jia Zhang-Ke, Ash is Purest White, sorprendente debutto internazionale in concorso. E’ la storia della giovane Qiao (la protagonista è sempre Zhao Tao, la moglie del regista), che ‘copre’ le malefatte del gangster che ama e paga per lui un conto da cinque anni di carcere. Proverà a cercarlo, uscita di prigione per rendersi conto dolorosamente che tutto nel frattempo è cambiato anche nella sua vita privata.

Dall’Asia a Cannes applaudito fuori concorso Gongjak, thriller di spie di di Yoon Jong-bin che,racconta la storia vera di un ex agente che ritrasforma in ‘Black Venus’ e si infiltra nei servizi segreti della Corea del Sud per scoprire i segreti del programma nucleare del Nord. Un film interessante, di grande attualità anche politica.

Leggi anche