martedì, 16 ottobre 2018

Cannes 71: Lindon sindacalista (da premio) in prima linea

Cannes 71: Lindon sindacalista (da premio) in prima linea
Photo Credit To Pietro Coccia

Cannes, 16 Maggio (red cin)- A tre anni da La legge del mercato e dal premio per la migliore interpretazione conquistati proprio a Cannes, applausi oceanici in sala per Vincent Lindon e Stéphane Brizé con En Guerre che, appunto, racconta la guerra degli operai di una fabbrica francese contro un padrone tedesco che decide di chiudere lo stabilimento contraddicendo gli impegni assunti due anni prima. Lindon è Laurent, il sindacalista che tra fiction e cinema del reale si confronta con i rappresentanti del governo e la controparte padronale. La fabbrica che il film racconta è nel Sud Ovest della Francia e la proprietà ha deciso di chiuderla nonostante i sacrifici accettati dagli operai pur di mantenere il posto di lavoro per almeno cinque anni. Laurent riesce a sensibilizzare il governo, che valuta positivamente una proposta d’acquisto della fabbrica da parte di un’altra azienda e trascina anche la proprietà tedesca al tavolo del confronto mentre alcuni lavoratori cedono alla promessa di una buonuscita interessante, ma la situazione diventa drammatica… En guerre è un film dichiaratamente politico: la lotta di Laurent diventa un crescendo di battaglie vinte, vittorie, pesanti sconfitte. In gioco il destino di 1100 persone e delle loro famiglie decise ad andare avanti fino in fondo, chiedendo aiuto alla Corte di giustizia e solidarietà agli operai di altre fabbriche, fino all’Eliseo. L’unità dei lavoratori, dopo tre settimane lotta, però vacilla quando arriva la proposta della buonuscita. Laurent prova a resistere ancora perchè uniti si vince ma la lotta è destinata alla sconfitta… Il personaggio di Lindon è realmente ispirato alla figura di un vero leader sindacale in Francia, Xavier Mathieu.

Leggi anche