mercoledì, 23 settembre 2020

Si apre il sipario su Rendez Vous

Si apre il sipario su Rendez Vous

Roma, 31 marzo (Fr. Palm.) – Taglio del nastro con Chocolat di Roschdy Zem, storia del primo artista nero in Francia, per la sesta edizione del festival Rendez Vous, che dal 6 all’11 aprile porta nella capitale il nuovo cinema d’Oltralpe, con Chiara Mastroianni nel ruolo di madrina, ideale trait d’union tra i due Paesi. L’attrice viene celebrata con una “Carte Blanche” di tre titoli: Racconto di Natale di Arnaud Desplechin, 3 Cuori di Benoît Jacquot e Good Luck Algeria di Farid Bentoumi, presentato in anteprima.

Sotto la direzione artistica di Vanessa Tonnini, la manifestazione è un’iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, realizzata dall’Institut français Italia con il sostegno di Unifrance e la collaborazione del Centre Saint-Louis e l’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici. BNL Gruppo BNP Paribas è, ancora una volta, il main sponsor della rassegna, che si svolge in quattro sedi: il Cinema Fiamma (per la sezione dedicata alle novità e alle anteprime), all’Institut français Centre Saint-Louis (per una triologia sui temi della famiglia), a Villa Medici (per un omaggio alla regista Solveigh Anspach, regista franco-islandese recentemente scomparsa) e alla Casa del Cinema, che ospita masterclass e incontri professionali.

Il programma, fortemente voluto dall’Ambasciatrice Catherine Colonna e dal Consigliere Culturale Eric Tallon, propone più di 30 titoli, tra pellicole d’autore, opere prime, produzioni indipendenti e varie commedie: come ha sottolineato Vanessa Tonnini, “C’è la voglia di avere uno sguardo ironico sugli accidenti della vita, insieme al desiderio di riscatto di personaggi malandati in cerca di una seconda possibilità. Quella di quest’anno è l’edizione della rinascita”.

Il cinema francese, che nel 2015 conquista per la terza volta consecutivamente i suoi migliori risultati all’estero degli ultimi venti anni (in Italia amato da 5,2 milioni di spettatori), debutta al festival con Chocolat, accompagnato dall’attore e regista Roschdy Zem. Il film, distribuito da Videa, omaggio al mondo dello spettacolo della Parigi della Belle Époque con protagonista Omar Sy, riceve il Premio Rendez Vous France 24.

Tra le altre opere, Bang Gang (une histoire d’amour moderne), esordio di Éva Husson (nelle nostre sale con Good Films), film scandalo di Cannes 2015,  su un’adolescenza “iperconnessa”. Sempre da Cannes arriva Maryland di Alice Winocour, thriller sullo sfondo di un mondo popolato da trafficanti d’armi e politici corrotti.

Thomas Lilti firma Médecin de campagne, con François Cluzet, Emma Luchini Un début prometteur, in cui dirige, tra gli altri, anche suo padre Fabrice, e Mikhaël Hers realizza la sua seconda regia con Ce sentiment de l’été, un racconto sul dolore dell’assenza tra Berlino, Parigi e New York. E ancora, l’attore e comico di origine iraniana Kheiron sceglie la commedia per Nous trois ou rien, aggiudicandosi il Premio Reset 2016.

Tra gli autori affermati, il duo Gustave Kervern e Benoît Delépine, dopo la Berlinale 2016, approda a Roma con l’anteprima italiana di Saint Amour, con Gérard Depardieu e Benoît Poelvoorde, commedia on the road sulle strade del vino. Due sono anche i protagonisti di Des nouvelles de la planète Mars di Dominik Moll, interpretati da François Damiens e Vincent Macaigne. Infine, la poetica del cinema di Michel Gondry torna con Microbe et Gasoil, inno all’amicizia, all’infanzia e alla libertà. Da segnalare, la musica di Ennio Morricone nel film di Christian Carion En mai fais ce qu’il te plait, sull’esodo che mise sulle strade otto milioni di francesi durante l’invasione tedesca.

In cartellone ci sono poi dei Focus: su Benoît Jacquot, al centro di una masterclass, al fianco di Chiara Mastroianni; su Philippe Faucon, reduce da tre premi César, con il pluripremiato Fatima; su Emmanuel Mouret, autore della commedia romantica Caprice; su Philippe Le Guay, che dopo i successi di Molière in bicicletta e Le donne del 6° piano presenta in Italia Floride (distribuito da Academy Two), una commedia dolce-amara sull’avanzare dell’età, con Jean Rochefort e Sandrine Kiberlain.

Tra i riconoscimenti, in occasione della serata di apertura, presso l’Ambasciata di Francia sarà assegnato il French Cinema Award ad Andrea Occhipinti, per aver contribuito alla promozione del cinema francese nel mondo con la Lucky Red che ha distribuito in Italia, fino ad oggi, più di 80 film francesi.

Tra gli ospiti, per chiudere, Carlo Verdone ha il compito di presentare Ascensore per il patibolo di Louis Malle,  l’11 aprile al Cinema Farnese Persol, un evento organizzato in collaborazione con la Cineteca di Bologna.

Il festival – che organizza anche un incontro, il 7 aprile, sulla nuova legge sul cinema in Italia – dopo Roma sarà in trasferta anche a Bologna, Napoli, Palermo, Torino, Milano, Lecce, Firenze e Bergamo.

 

 

 

Leggi anche