martedì, 26 settembre 2017

B.A.FF 2016: i vincitori

B.A.FF 2016: i vincitori

Roma, 20 marzo – Si è conclusa la XIV edizione del B.A. Film Festival, con la consegna di alcuni dei premi Made in Italy – Baff.

Durante la serata di chiusura, condotta dal direttore Steve Della Casa insieme alla madrina del festival Matilde Gioli, sono stati premiati Sonia Bergamasco (Premio Made in Italy BAFF 2016 – CAME S.p.A. – Miglior attrice), Vinicio Marchioni (Premio Made in Italy BAFF 2016 – Publitalia ‘80 – Miglior attore), Giulia Bevilacqua (Premio Made in Italy BAFF 2016 – Promoservice Italia – Miglior attrice non protagonista), Paolo Calabresi (Premio Made in Italy BAFF 2016 – Il Giornale – Miglior attore non protagonista), Fabio De Luigi (Premio Made in Italy BAFF 2016 – Intermarket Diamond Business Group – Opera prima), Ninni Bruschetta (Premio Made in Italy BAFF 2016 – Istituto Cinematografico M. Antonioni – Premio speciale), Paolo Tenna e Paolo Damilano per Film Commission Torino Piemonte (Premio Made in Italy BAFF 2016 – BAFC – Premio tecnico), Gigio Alberti (Premio Made in Italy BAFF 2016 – Premio speciale). Youth – La giovinezza di Paolo Sorrentino è infine il vincitore del premio  Made in Italy Scuole Baff 2016 – miglior film scelto dagli studenti.

Durante la settimana sono stati al festival molti altri artisti, tra cui hanno ritirato i Premi Baff: Laura Morante (Premio Platinum – Dino Ceccuzzi all’eccellenza cinematografica), Paolo Costella e Paola Mammini (Premio Made in Italy BAFF 2016 – Città di Busto Arsizio – Miglior film e regia per Perfetti Sconosciuti di Paolo Genovese), Max Croci (Premio Made in Italy BAFF 2016 – La PREALPINA – Premio speciale), Giuseppe Gaudino e Isabella Sandri (Premio Made in Italy BAFF 2016 – Carlo Lizzani Miglior sceneggiatore per il film Per amor vostro), Piera Detassis (Eroi della carta stampata), Hollywood Party (Premio Lello Bersani), Boosta (Premio BAFF OFF 2016 – Miglior colonna sonora per 1992).

Bilancio positivo per quest’edizione, con tanto pubblico, anche giovane, che ha conosciuto le produzioni italiane più recenti e nello stesso tempo ha riso alla proiezione de Il sorpasso di Dino Risi, attraversando così il cinema italiano di ieri e di oggi.

Come ha dichiarato Steve Della Casa, «Il Baff vuole essere un festival che capace di coinvolgere tutto il territorio in qui si svolge. Quindi sono molto contento che il pubblico abbia partecipato in maniera entusiastica alle proiezioni e agli incontri. Inoltre mi ha fatto molto piacere il coinvolgimento degli industriali sulle possibilità offerte dalla nuova legge per il cinema. E naturalmente credo che un festival così pensato sia utilissimo anche per un’altra eccellenza cinematografica del territorio, l’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni, che dalla nostra attività può avere visibilità e lanciare nuove sfide per essere sempre più importante a livello nazionale».

 

Leggi anche