mercoledì, 30 settembre 2020

Arcipelago da Pasolini ai Manetti

Arcipelago da Pasolini ai Manetti

Roma, 30 ottobre (Fr. Pierl) – Omaggi a Pier Paolo Pasolini, Orson Welles e Rainer Werner Fassbinder arricchiscono il programma della 23/a edizione di Arcipelago – Festival internazionale di cortometraggi e nuove immagini a ingresso gratuito dal 4 al 10 novembre al Teatro Palladium di Roma. Protagonisti anche i Manetti Bros, con la loro prima retrospettiva completa e un incontro con il pubblico.
Tra le anteprime, ‘Station to station’ di Doug Aitken, che ha accolto su un treno personaggi come Patti Smith, Beck, e Jackson Browne; Visitors dell’autore di Koyaanisqatsi, Godfrey Reggio, che rinnova il sodalizio con Philip Glass; il documentario di Costanza Quatriglio, 87 ore ”di cui si parlerà molto, per come racconta una violazione dei diritti umani” ha spiegato il direttore del Festival Stefano Martina. La sezione competitiva italiana, Concorto, include fra gli altri, il ‘veterano’ Tonino Zangardi con ‘Venerdì’ e ‘La guerra dei matti’ dell’autore più giovane del festival, il 17enne Luigi Fedele. Fra i 21 film brevi del concorso internazionale, The Short planet, due gli italiani in gara Sonderkommando di Nicola Ragone (Nastro d’argento) e Ore 12 di Toni D’Angelo.

 

‘Pasolini visto dalla luna: uno sguardo straniero’ proporrà le opere di autori francesi, tedeschi e anglosassoni, sullo scrittore, poeta e regista scomparso 40 anni fa. Fra gli altri, Pasolini l’enragé (1966) di André Fieschi, e Pier Paolo Pasolini: Your Eyes Flash Solemnly with Hate (2015) di Mark Cousins. In programma,anche la docu-fiction di Enzo De Camillis Un intellettuale in borgata (2014) con Leo Gullotta, e il concorso Comizi d’amore 2.0 rivisitazione attuale dell’indagine di Pasolini sul rapporto degli italiani con il sesso. Di Orson Welles di cui ricorre il centenario della nascita e il trentennale della morte, si proporrà la serie televisiva Around the World with Orson Welles (1955) mentre Fassbinder, a 70 anni dalla nascita, viene ricordato con il documentario Fassbinder – To Love without Demands dell’amico Christian Braad Thomsen. Tra gli altri appuntamenti, i corti di ‘All You need is love – 40 anni di educazione sessuale nel cinema britannico’ e l’incontro curato da Ilaria Ravarino Reality reboot. Quando i videogame incontrano la realtà.

Leggi anche