mercoledì, 5 ottobre 2022

Alcarras di Carla Simon Orso d’oro a Berlino. A Leonora Addio il premio Fipresci.

Alcarras di Carla Simon Orso d’oro a Berlino. A Leonora Addio il premio Fipresci.

Roma, 16 febbraio – E’ Alcarras, opera seconda della spagnola Carla Simon, storia (coprodotta dall’italiana Kino Produzioni) di ‘resistenza agricola’ ambientata nella campagna catalana, a conquistare l’Orso d’Oro per il miglior film della 72/ma edizione del Festival di Berlino. “Dedico questo premio – ha detto la regista – alle piccole famiglie contadine che ogni giorno coltivano la terra per far arrivare i suoi frutti nei nostri piatti. Il loro modo di farlo, nel rispetto del territorio, va considerata una forma di resistenza oggi”. The novelist’s film del coreano Hong Sangsoo vince l’Orso d’Argento Gran Premio della Giuria. A Claire Denis va l’Orso d’argento per la regia con il triangolo amoroso Avec amour et acharnement interpretato da Juliette Binoche e Vincent Lindon. Per un’autrice anche l’Orso d’Argento premio della giuria: è la messicana Natalia Lopez Gallardo con Robe of gems.

I riconoscimenti per gli attori (che Berlino assegna senza distinguere tra gender) premiano Meltem Kaptan, come migliore interpretazione da protagonista in Rabiye Kurnaz vs. George W. Bush (a cui va anche l’Orso per la sceneggiatura) e Laura Basuki, per la miglior performance da non protagonista nell’indonesiano Nana (Before, Now & Then) . L’Orso d’argento per l’eccezionale contributo artistico è stato attribuito invece a Everything will be ok del grande cineasta cambogiano Rithy Panh.

L’unico film italiano in concorso, Leonora Addio di Paolo Taviani, riceve uno dei premi collaterali, il FIPRESCI della critica. Ora appuntamento al 19 febbraio, per conoscere i vincitori dell’altra sezione competitiva della Berlinale, Panorama, dove sono in corsa per l’Italia Una Femmina Di Francesco Costabile, Calcinculo Di Chiara Bellosi e Nel Mio Nome Di Nicolò Bassetti.

Leggi anche