sabato, 23 settembre 2017

A Parigi un’Italia noir

A Parigi un’Italia noir

Parigi, 21 gennaio (l.d.c.) –  Il cinema italiano a Parigi rilancia il genere ma soprattutto racconta, sorprendendo, quel cinema che in Francia ha da sempre una sfumatura noir unendo il film d’autore alla voglia di non deludere il grande pubblico. In modo assolutamente diverso e con una narrazione decisamente lontana per temi, stile, atmosfere lo hanno dimostrato in particulare i due ancora film inediti anche in Italia in cartellone – dopo l’apertura con Indivisibili –  nella prima giornata di De Rome à Paris, la rassegna di Cinema Italiano promossa  dalla DgCinema MibacT e organizzata da Istituto Luce Cinecittà con la collaborazione di Unefa, Anica e Ice, in corso a Parigi, aperta al pubblico, fino a domani sera.

I titoli? Con Piccoli crimini coniugali di Alex Infascelli interpretato da una coppia d’attori speciale come Margherita Buy e Sergio Castellitto, da uno dei testi teatrali più rappresentati nelle ultime stagioni,  Falchi di Toni D’Angelo proposti ai distributori e agli spettatori francesi da Gianluca Curti. Li hanno presentati e commentati in sala i due autori ed è stata particolarmente apprezzata per Falchi la presentazione di Fortunato Cerlino,  protagonista del film, popolarissimo in Italia grazie al successo di Gomorra la serie in tv. Proposti nel giorno in cui la commedia ha offerto ai francesi 2 night di Ivan Silvestrini con Matilde Gioli e Matteo Martari, presentato a Roma durante la Festa del Cinema (e in uscita per San Valentino) da Alice nella città, La cena di Natale di Marco Ponti cast corale e feste di fine anno da non dimenticare per una famiglia al vetriolo e Piuma, commedia in concorso a Venezia, premiata dai giornalisti proprio alla Mostra per il cast) la commedia di Roan Johnson che ha avuto con sè in sala anche la giovanissima interprete Blu Yoshimi.

Ma fermiamoci in particolare sul film che a Parigi grazie a questa vetrina orientata innanzitutto al mercato sono ancora inediti in Italia: hanno avuto una sala esaurita sia Piccoli crimini coniugali di Infascelli, che Falchi di Toni D’Angelo con un cast in cui, insieme a Cerlino, recitano Michele Riondino e Pippo Delbono, Cinema di genere? Piuttosto un ritorno al noir nel  tentativo, però, per dirla con il regista Toni D’Angelo, “di fare un cinema popolare che non sia solo quello della commedia”. Un cinema che ha l’ambizione di conquistare il pubblico che ama registi come Michael Mann o il cinema di Hong Kong. Noir insomma, ma di quel noir  “che arriva al grande pubblico senza abbandonare l’idea autoriale”.

Oggi in programma con il bel documentario sul cinema attraverso lo sguardo di Carlo Di Palma  (Acqua e zucchero regia di Fariborz Kamkari , prodotto da Adriana Chiesa) l’Italia propone a Parigi Tommaso di Kim Rossi Stuart, Fraulein opera prima di Caterina Carone che lo presenta insieme alla protagonista (con Christian De Sica) Lucia Mascino e ancora, Babylon Sisters debutto feature film del documentarista Gigi Roccati. La rassegna si chiude domani, domenica 22.

Leggi anche