giovedì, 18 luglio 2019

25 anni di noir

25 anni di noir

Roma, 8 dicembre (Fr. Palm.) – Nozze d’argento con il noir: a festeggiarle è il festival di Courmayeur, al via oggi e in programma fino al 13 dicembre, che arriva al traguardo di 25 anni rinnovando l’appuntamento con il mondo del mystery e del fantastico, tra cinema, letteratura e televisione. Proprio il piccolo schermo è al centro dell’apertura della manifestazione, diretta da Giorgio Gosetti e Marina Fabbri, con una serata a tema dedicata alle serie Twin Peaks di David Lynch (che compie anche lei 25 anni) e a X-Files di Chris Carter (Premio Chandler Speciale nel 1996), di cui presto vedremo la nuova stagione.

Come sottolinea Gosetti, “25 anni fa tutti parlavano del giallo, oggi invece si parla solo del noir, perchè pone l’accento sul disagio sociale e sullo scontro generazionale e di culture. Oggi più che mai siamo immersi in sensazioni di paura epocale, non più legate a singole criminalità”.

Il cinema è presente con 7 titoli – 5 dei quali non hanno ancora una distribuzione; 2 sono le commedie – ma nessuno proviene dal nostro paese. A contendersi il Leone Nero, A Most Violent Year di J.C. Chandor, con Oscar Isaac, Jessica Chastain e David Oyelowo), Mi gran noche di Alex de la Iglesia, The Ardennes di Robin Pront, Brand New-U di Simon Pummell, Traffickers di Sean Roberts e Into the Forest con Ellen Page.

Sempre restando nell’ambito cinematografico, il festival rende omaggio a Frank Sinatra, Anthony Quinn e Orson Welles, celebrati con rari materiali sulla storia del noir italiano, messi a disposizione da Istituto Luce Cinecittà. E ancora, fuori competizione, Piccoli brividi di Rob Letterman, per il pubblico giovane.

Protagonista assoluto di quest’anno è Joe R. Lansdale, a cui va il Raymond Chandler Award, mentre in libreria esce il suo nuovo romanzo “Honky Tonk Samurai” (Einaudi). Per l’occasione, viene riproposto Cold in July, l’ultimo film tratto dalle sue pagine, visto a Cannes nel 2014.

Tra gli ospiti letterari, Carlo Bonini e Giancarlo De Cataldo, dopo il successo di “Suburra”, presentano “La notte di Roma”, Carlo Lucarelli accompagnerà ben tre nuovi lavori, tra cui “Il tempo delle iene” (Einaudi) e “PPP. Pasolini, un segreto italiano” (Rizzoli), David Grieco porterà ad alta quota il suo libro “La macchinazione”, sull’omicidio di Pasolini, che ha anche trasformato in un film, Teresa De Sio musicherà il reading del suo romanzo “L’attentissima” e Maurizio De Giovanni parlerà della trilogia de “I bastardi di Pizzofalcone”, diventata una fiction per RaiUno con Alessandro Gassmann.

Sul fronte televisivo, il festival lancia Cherif, la serie francese dell’anno, oltre alle nuove puntate de L’ispettore Coliandro dei Manetti Bros, con Giampaolo Morelli. Inoltre, tra le anteprime, Le regole del delitto perfetto, giunto alla seconda stagione.

Leggi anche