mercoledì, 5 agosto 2020

Alice nella città, da Mr Link a Gagarine

Alice nella città, da Mr Link a Gagarine

Roma, 20 luglio – L’accordo di ‘Alice nella città’ con la Mostra del cinema di Venezia, per una nuova sezione, Sintonie, che proporrà durante la Festa 5 film con al centro il tema dell’infanzia e dell’adolescenza che debutteranno al Lido è fra le novità anticipate dalla sezione autonoma e parallela per il cinema rivolto alle giovani generazioni (ma non solo) alla Festa del Cinema di Roma (15-25 ottobre). Prima dell’appuntamento autunnale sarà protagonista con un’arena estiva ‘galleggiante’ sul laghetto romano dell’Eur (dal 24 agosto al 24 settembre) per 150 persone a proiezione, con rassegne, esordi e molte anteprime (è inserita nel progetto Moviement) fra le quali il gioiello di animazione in stop motion Mr Link di Chris Butler, vincitore del Golden Globe come miglior film animato e candidato agli Oscar 2020, che arriverà in sala il 17 settembre con 01 Distribution.

“E’una collaborazione che potrebbe durare – dice Fabia Bettini, direttrice di Alice nella Città con Gianluca Giannelli -. Abbiamo riscontrato che abbiamo una sensibilità molto simile. Ci piacerebbe che questi film arrivassero anche nelle scuole”. Sintonie nasce da “una lunga chiacchiera con Alberto Barbera – aggiunge Giannelli -. Spesso film come quelli che proporremmo dopo i Festival rischiano di perdersi, noi vogliamo dargli una nuova platea”.

Dopo l’esperienza durante il lockdown di #cinemadacasa, che ha trasformato le facciate dei palazzi della capitale in maxischermi, l’arena estiva (che sarà a pagamento, ma si sta pensando anche a eventi gratuiti), nasce in collaborazione con Eur Spa. L’audio delle proiezioni sarà diffuso con cuffie wireless “anche per evitare che intorno, si creino assembramenti di chi vuole guardare il film”, spiega Fabia Bettini. Il grande schermo “sarà davanti al palazzo dell’Eni e il pubblico sarà su una zattera sul lago, alla quale si accederà attraverso due passaggi.

La prima anteprima annunciata, Mr Link sarà l’occasione per scoprire l’incontro fra il coraggioso esploratore Sir Lionel Frost e la creatura più leggendaria del mondo, possibile anello di congiunzione con le origini primitive dell’Uomo: è Mister Link, essere un po’ buffo, sorprendentemente intelligente e pieno di sentimenti. Butler qui torna alla regia dopo il successo di Paranorman. Fra le chicche anche il cast di voci originali, composto, fra gli altri, da Zoe Saldana, Hugh Jackman e Emma Thompson.

Intanto in pieno dialogo con la Festa del Cinema di Roma si continua a preparare il nuovo programma, che nel rispetto delle norme anticovid “ci porterà a continuare ad avere come base l’auditorium, anche se senza tensostruttura e ad arrivare maggiormente con le proiezioni nelle sale della capitale”, sottolinea Fabia Bettini. Svelato anche il primo titolo del concorso (che ci sarà anche se più contenuto): “è Gagarine di Fanny Liatard e Jérémy Trouilh, urban fantasy ambientato in banlieue che Thierry Fremaux ha voluto nella selezione virtuale di Cannes. Torna anche la finestra di Panorama Italia e il Primo titolo annunciato è Il mio corpo di Michele Pennetta “una riflessione aperta sullo stato di abbandono in cui versa una regione intera”, la Sicilia. Non è “né un reportage né un documentario classico”. Quest’anno Panorama Italia “sarà più larga, al fianco del cinema italiano, con un taglio nuovo dinamico e coraggioso”.

Leggi anche