martedì, 7 aprile 2020

Ricordando Ennio Fantastichini

Ricordando Ennio Fantastichini

Roma, 4 dicembre -Il 1 dicembre del 2018 si spegneva prematuramente a Napoli il grande attore di teatro , volto del
cinema europeo , memorabile nel film PORTE APERTE con Gian Maria Volontè.
Ha lavorato con Bologna, Todini, Rubini, Ozpetek, Amelio, Battiato, Bertolucci, Greco, Risi, Virzi, Di
Gregorio, Lhermitte, Guglielmi, Gagliardo,Hafstrom, Zidi, Bonivento, Turco, Terracciano, Piscicelli,
Odorisio, Grimaldi, Bellocchio, Del Monte, Marengo, Greenaway, Maselli, Saura, Cerami, Manetti Bros.,
Amendola, Mcteigue, Milani, Tognazzi, Cabiddu, Riso e Redford
Ha partecipato a varie Fiction: La piovra 7, Paolo Borsellino, Il mostro di Firenze, Squadra Antimafia,
Fabrizio De Andrè…

Ha vinto 2 Nastri d’argento e 1 ciak d’oro, volto nuovo agli European film Award e il Premio Felix .
Il 29 novembre alla Sala Anica, il figlio Lorenzo, la famiglia, gli amici e i compagni di lavoro
tutti insieme hanno partecipato ad un evento unico, grazie all’impegno del produttore e amico Angelo
Barbagallo si è svolta l’anteprima del film LONTANO, LONTANO di Gianni di Gregorio , ultima
interpretazione del Grande e incandescente attore.
Sono intervenuti oltre al figlio Lorenzo, che ha inaugurato la serata con una breve performance, il
fratello Piero, Imma Piro, Alessandro Haber, Francesca Ventura , Barbara Scoppa, Gianfranco Cabiddu
e Marta Bifano compagna della gioventù di Ennio condiviso le emozioni con la madre di Lorenzo,
Nadia d’Errico. Tra il pubblico Iaia Forte e Mario Martone.
Il 1 dicembre nella splendida cornice della Cappella Orsini si è svolto un incontro più intimo e
commovente volto a ricordare il popolare attore. Il figlio Lorenzo sul palchetto barocco di questa
suggestiva location ha interpretato insieme con Arianna Serrao, Miriam Cappa, Elys Julien Cioffi e
Miguel Milano, un brano del “Re Lear”, ispirato all’ ultima fatica teatrale Shakespiriana del padre sotto
la direzione dell’amico Giorgio Barberio Corsetti, successivamente proiettati alcuni brani dello stesso
spettacolo, poi un montaggio da La stoffa dei sogni di Gianfranco Cabiddu ed infine Artemisia un corto
dove l’attore ha interpretato il violento Agostino Tassi insieme alla sua ex- compagna Marta Bifano,
con la musica e la vocalità del controtenore Giuseppe Zambon, corto che fu premiato al Festival Donne
Europee nel 2002. Dissepolte le poesie di Nadia D’Errico protagonista di una storia intensa e
burrascosa con il grande Ennio, espressa in un grido di dolore tradotta in rime molto amate dall’attore
che aveva spesso incoraggiato la poetessa alla ricerca della vena ispiratrice; le poesie sono state
interpretate da Brando Di Placido e dagli allievi del terzo anno del Centro Sperimentale di
Cinematografia colleghi di Lorenzo e brillantemente da Ida Sansone, che ha continuato ad offrire
suggestioni poetiche nella lettura dei versi del neopoeta e pittore Massimiliano Di Grazia. Marta
Bifano ha narrato un episodio della vita in comune con l’attore con sobria ironia , datata anni’80 ,
affettuoso intervento dell’amico Massimo Ghini, Paolo Bologna autore del primo lungometraggio Fuori
dal giorno interpretato dall’attore giovanissimo ha offerto al pubblico esilaranti e teneri momenti
delle vacanze dei due amici a Porto Santo Stefano d’estate e al Monte Amiata sulla neve nel 1978. Tra il
pubblico immancabile la presenza di Pietro Valsecchi che ha prodotto le ultime
interpretazioni televisive dell’insostituibile attore e che da sempre è stato molto vicino alla famiglia,
insieme a tanti altri personaggi del cinema e dello spettacolo che si sono stretti intorno ai familiari.

Leggi anche