sabato, 15 dicembre 2018

Retrospettiva su Garrone a Corto Dorico

Retrospettiva su Garrone a Corto Dorico

Roma, 3 dicembre – Oltre 200 cortometraggi iscritti, 8 finalisti + 1 che verrà ripescato dal pubblico, 7750 euro di montepremi, oltre 50 partner, eventi speciali dedicati ai migranti e ai bambini, registi da tutta Italia e dal mondo, una giuria formata dall’autore tv e regista Ugo Gregoretti, dallo sceneggiatore Massimo Gaudioso, dall’attrice Lidiya Liberman e l’autore della fortunata serie web “The Pills” Luca Vecchi, Daniele Ciprì direttore artistico, Matteo Garrone ospite d’onore, con una retrospettiva a lui dedicata, e il critico Angelo Guglielmi: questi sono solo alcuni dei numeri e dei principali nomi della dodicesima edizione del Film Festival Corto Dorico, che si svolgerà ad Ancona dal 5 al 12 dicembre, grazie alla co-organizzazione di Nie Wiem e Comune di Ancona, con il contributo di Unione Europea, Mibact Direzione generale per il Cinema, Regione Marche, Comune di Ancona, Fondazione Marche Cinema Multimedia, con il sostegno di Amnesty International Italia, Banca Etica, Coop Adriatica, Cooss Marche, Liceo Scientifico “G. Galilei”, Sef Stamura, Università Politecnica delle Marche, con il patrocinio di Ombusdman Marche, sponsor: Flamini.

Il direttore artistico Daniele Ciprì, nume tutelare del festival assieme a Toni Servillo e Steve della Casa, ha disegnato, assieme all’associazione Nie Wiem, gli otto giorni di eventi di Corto Dorico 2015. Innanzitutto vengono i nomi degli 8 finalisti + 1, scelti da un comitato artistico di professionisti e esperti del settore, fra cui la giuria presieduta da Gregoretti sceglierà il vincitore dei 5000 euro del premio Stamura al miglior cortometraggio (patrocinato da Sef Stamura) con la statuetta 3D di Stamura creata da Fab Lab/The Hive, il premio Nie Wiem all’impegno sociale (2000 euro), il premio Amnesty International ai diritti umani (250 euro), il premio Cooss Marche (500 euro), i premi di Cgs Acec Sentieri di Cinema (distribuzione nel circuito Acec), della Giuria giovani (vini Moroder), della critica (vini Malacari) e del pubblico (prodotti “Libera” Coop Adriatica).

 

A sfidarsi nella finalissima di sabato 12 dicembre, all’Auditorium della Mole Vanvitelliana, saranno il regista Alessandro Capitani con il corto Bellissima, Frank Jerky con Six, Fulvio Risuleo con Varicella, Tommaso Pitta con How I didn’t become a piano player e All the Pain in The World, Giovanni Aloi con Eternit, Grazia Tricarico con Mona Blonde, Alessandro Bavari con Ludi Florales. A loro si aggiungerà uno degli otto semifinalisti che sabato 5 dicembre, sempre alla Mole Vanvitelliana, saranno proiettati a Corto Slam: quale sarà il più votato dal pubblico fra Agosto di Adriano Valerio e Eva Jospin, Sul tram di Leone Balduzzi, Il dolore di Ali Asgari, Nel silenzio di Lorenzo Ferrante, Monte Gourougou di Bruno Rocchi, Dear Susie di Leopoldo Caggiano, Camper di Alessandro Tamburini, Nell’ora che non immaginate di David Gallarello?
Una retrospettiva completa verrà dedicata, dal 6 al 10 dicembre, al cinema di Matteo Garrone, ospite d’onore 2015. Sarà dunque mostrata la sua filmografia, dagli esordi con Terra di mezzo (1996) all’ultimo film Il racconto dei racconti (2015, in concorso a Cannes). Matteo Garrone incontrerà il pubblico martedì 8 dicembre.
Un evento speciale sarà inoltre dedicato, sabato 12, a Ugo Gregoretti, regista (Controfagotto, Omicron), autore tv (Romanzo popolare italiano, Dentro Roma) e attore, che, guardando alla sua lunga ed eterogenea esperienza, si interrogherà su “Chi ha incastrato il cinema?”, in una tavola rotonda con un altro grande nome del cinema e della televisione italiana, Angelo Guglielmi (già direttore di Rai 3 e presidente dell’Istituto Luce), Daniele Ciprì e Luca Vecchi del gruppo di youtuber The Pills.

A promuovere i nuovi talenti del cinema italiano sarà anche la rassegna “Salto in lungo”, dedicata ad autori che sono passati dal corto al lungometraggio: Bonifacio Angius con Perfidia (domenica 6), Ivan Gergolet con Dancing with Maria (lunedì 7), Adriano Valerio con Banat (venerdì 11), il primo premiato ai festival di Locarno e di Annency, gli ultimi due in concorso alla Settimana della Critica della Mostra del Cinema di Venezia.

Un’altra rassegna, intitolata “Cinema & Cittadinanza globale”, sarà dedicata al rapporto fra cinema e diritti umani, con due eventi. Il primo sarà “Il cinema per i diritti umani. Dai Balcani all’Hotel House”, una serata (mercoledì 9) aperta al pubblico e una mattinata (giovedì 10) riservata agli studenti del Liceo Galilei, in cui saranno proiettati i corti in concorso per il Premio Amnesty International e verranno presentate: la campagna “SOS Europa”, a cui darà voce il vicepresidente di Amnesty Italia Paolo Pignocchi; l’operato dell’Ombusdman Marche per i migranti, con il nuovo garante Andrea Nobili; il progetto di documentario del regista e antropologo Giorgio Cingolani, girato all’Hotel House di Porto Recanati, dove vivono 2000 migranti fra cui circa 450 minori, intitolato “Homeward bound: sulla via di casa”. Venerdì 11 dicembre sarà la volta di un evento co-finanziato dall’Unione Europea, in collaborazione con Regione Marche, organizzato da Cospe e Ewnt, con la proiezione dei migliori corti del festival di Jena e del Terra di tutti Film Festival.
Venerdì 11 sarà inoltre approfondito il rapporto fra economia e cinema, con la tavola rotonda “Eppur si muove: il settore audiovisivo tra Stato e Regioni”, organizzata in collaborazione con l’Università Politecnica delle Marche, con la partecipazione di Marco Cucco (docente di Economia del cinema, Università della Svizzera Italiana), di Stefania Benatti (presidente della Fondazione Marche Cinema Multimedia), di Anna Olivucci (responsabile della Marche Film Commission), un rappresentante di Confindustria Marche e Damiano Giacomelli di OffiCine Mattoli. Modera il prof. Renato Novelli (Università Politecnica delle Marche).
Fra gli eventi collaterali si segnalano, domenica 6 dicembre, l’evento “Cinebimbi. Nutrire il corpo e la mente”, con la proiezione di corti animati per bimbi e un incontro per genitori con il pediatra Massimo Beghella; venerdì 11 la Masterclass in Sceneggiatura a cura dello sceneggiatore Massimo Gaudioso (numero limitato, per prenotazioni: masterclass@cortodorico.it) e “Cine Tuna 2”, con un aperitivo e la proiezione del corto finale del laboratorio Cinemaèreale.

Dal 2010, proprio per la sua funzione di “scopritore di talenti”, Corto Dorico collabora con i Nastri d’Argento, segnalando i migliori corti in concorso.

Leggi anche