mercoledì, 22 maggio 2019

La Festa di Roma al Teatro Tor Bella Monaca

Dal 3 al 5 novembre, la Festa del Cinema di Roma arriva al Teatro Tor Bella Monaca (via Bruno Cirino) con cinque proiezioni ad ingresso libero selezionate nel programma della dodicesima edizione.

 

Si inizia venerdì alle ore 21 con Sara di Stefano Pistolini e Massimo Salvucci che ricostruisce i fatti legati all’omicidio di Sara Di Pietrantonio, la ragazza romana uccisa dall’ex fidanzato alle prime ore del 29 maggio 2016. La presentazione sarà a cura di Maria Vittoria Pellecchia, a seguire si terrà un incontro con l’autore Stefano Pistolini.

 

Sabato 4 novembre alle ore 19 sarà presentato Tracce di Bene di Michele Sansonna: il documentario prende avvio da una confessione perduta di Carmelo Bene che riemerge dall’oblio dell’inedito. L’artista si racconta al suo amico Giancarlo Dotto, trasformato nel voice over di un’autobiografia immaginaria. A seguire avrà luogo un incontro con l’autore Giuseppe Sansonna e con Barbara Caruso.

Alle ore 21, sarà la volta di Del resto fu un’estate meravigliosa di Luciano Michetti Ricci. Siamo nel 1977, le improvvisazioni e le provocazioni di un gruppo di comici nuovi si susseguono in una zona semideserta per le vacanze. Una sorta di happening girato senza sceneggiatura, spesso prendendo lo spunto, prima di metter su una scena, dai giornali del mattino.

 

Domenica 5 novembre alle ore 17, il Teatro Tor Bella Monaca ospiterà la proiezione di Ma l’amore c’entra? di Elisabetta Lodoli. Nel documentario tre uomini si raccontano: la loro vita è scoppiata quando hanno compiuto violenza contro la compagna ma hanno avuto paura e hanno deciso di provare a cambiare. Tre storie quotidiane e sconvolgenti che indagano la nostra educazione sentimentale e si incrociano nel luogo in cui i protagonisti hanno cercato aiuto. A seguire la regista e la co-sceneggiatrice Federica Iacobelli incontreranno il pubblico.

Alle ore 19.30 il programma si chiuderà con Dieci storie proprio così di Emanuela Giordano e Giulia Minoli che racconta un Paese funestato da corruzione e malaffare ma capace di sorprendere, un vero e proprio viaggio nell’Italia che cambia. Il documentario sarà presentato da Maria Vittoria Pellecchia, a seguire incontro con le autrici Emanuela Giordano e Giulia Minoli.

 

Leggi anche