martedì, 26 settembre 2017

La Cineteca cerca il ‘conservatore’

Nell’ambito delle finalità istituzionali assegnatele dalla legge, la FONDAZIONE CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA (CSC), con sede in via Tuscolana 1524 – 00173 Roma, tel. 06722941, mail: dirgen@fondazionecsc.it, C.F. 01602510586, intende procedere all’affidamento dell’incarico di Conservatore della Cineteca Nazionale, mediante lo svolgimento di una procedura selettiva a livello internazionale. La Cineteca Nazionale assolve alla funzioni previste dalla legge istitutiva e provvede a realizzare le attività previste dall’art. 4 del Decreto legislativo n. 426/1997. In particolare:

– Provvede alla raccolta e alla catalogazione delle opere della cinematografia nazionale, alla loro conservazione, incremento, promozione, valorizzazione e, ove occorra, al loro restauro, anche con la ricerca e l’utilizzazione di tecnologie avanzate;

– Svolge azione di coordinamento sul territorio nazionale delle cineteche che ricevono sostegni e contributi pubblici, e azione di raccordo con le rimanenti;

– Promuove manifestazioni cinetecarie, nazionali ed estere; cura la pubblicazione, la diffusione e la conservazione di riviste ed opere a carattere storico, artistico, scientifico e critico – informativo di interesse nazionale riguardanti le attività cinetecarie; svolge attività editoriali specialistiche e favorisce la diffusione dell’informazione sulle attività svolte mediante pubblicazioni periodiche o altri strumenti ritenuti idonei.

 

Attività oggetto dell’incarico:

il Conservatore della Cineteca Nazionale è competente in materia di:

– definizione e attuazione dei programmi culturali – in rapporto al bilancio annuale assegnato al Settore – per quanto riguarda la preservazione, il restauro, la programmazione e la ricerca, attraverso le seguenti azioni:

  1. a) determinazione delle condizioni ottimali di conservazione dei materiali verificando gli standard tecnici internazionali e traducendoli in indicazioni di procedure operative;
  2. b) definizione delle attività di restauro, preservazione, gestione del patrimonio filmico;
  3. c) programmazione di eventi e rassegne cinematografiche, mostre fotografiche e di manifesti, sia presso il cinema Trevi che in altre strutture in Italia e all’estero, compatibilmente con la normativa vigente sul diritto d’autore;
  4. d) progettazione di attività editoriali, anche di concerto con il Settore Scuola Nazionale di Cinema e con altri partners culturali pubblici e privati;

Per la progettazione e la realizzazione dei progetti culturali, il Conservatore, d’intesa con il Presidente e sulla base delle disponibilità finanziarie di bilancio, avvia relazioni con istituzioni ed enti pubblici e privati, italiani e stranieri, e in particolar modo con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo, gli Enti pubblici per la cinematografia (Luce Cinecittà, Biennale di Venezia, Festival del cinema di Roma, etc.), con gli archivi cinematografici italiani e stranieri, con la FIAF (Fédération Internationale des Archives du Film) e con gli altri organismi internazionali attinenti, con festival e rassegne, produttori e “aventi diritti” per il recupero dei materiali e la realizzazione di progetti congiunti di preservazione e restauro, nonché con enti economici ed imprese per avviare azioni di “fund raising”.

 

Modalità e termini di presentazione della domanda

 

LEGGI >  IL BANDO DI SELEZIONE 

 

La domanda di partecipazione alla selezione, redatta nella lingua italiana e debitamente sottoscritta, dovrà essere inviata alla Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia – Direzione generale – via Tuscolana, 1524 – 00173 Roma, esclusivamente a mezzo mail al seguente indirizzo: dirgen@fondazionecsc.it, entro le ore 14,00 del giorno 30 settembre 2016.

 

Leggi anche