domenica, 20 agosto 2017

Il CSC, con il corto di Laura Samani, a Cinéfondation

Il CSC, con il corto di Laura Samani, a Cinéfondation

La santa che dorme, il saggio di diploma con cui la giovane regista triestina Laura Samani (27 anni) e i capi reparto hanno conseguito il diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia (CSC) di Roma nel 2015, è l’unico cortometraggio italiano in concorso a Cinéfondation, la sezione del festival di Cannes riservata ai lavori delle scuole di cinema del mondo, nata nel 1998.

La santa che dorme è inserito nel programma Cinéfondation, che ha selezionato 18 cortometraggi tra gli oltre 1.600 lavori inviati dagli studenti di cinema di tutti i paesi del mondo. I tre premi saranno assegnati durante una cerimonia che si terrà il 20 maggio nella sala Buñuel.

Il cortometraggio è prodotto da CSC Production, la società di produzione del Centro Sperimentale di Cinematografia, che ha raggiunto il prestigioso risultato di avere per la quinta volta uno short in concorso a Cinéfondation, dopo Il naturalista nel 2009, L’estate che non viene nel 2011, Terra nel 2012 e Lievito madre nel 2014 vincitore del terzo premio.

Il Centro Sperimentale di Cinematografia è l’unica scuola di cinema italiana in concorso a Cinéfondation.

La santa che dorme racconta un profondo legame tra due amiche. Giacomina, dodici anni, è stata scelta come custode della statua di Santa Achillea per la processione annuale. Sarebbe il giorno più bello, se non fosse che la sua migliore amica Silene viene trovata in stato di morte apparente, ma il suo corpo è rimasto caldo. Mentre il paese grida al miracolo e decide di portare la ragazza in processione al posto della statua, Giacomina è l’unica a chiedersi se tutto è davvero perduto.

 

 

Leggi anche