lunedì, 30 novembre 2020

“Estate romana” di Garrone per ‘Ritorno in pellicola’ a Roma

“Estate romana” di Garrone per ‘Ritorno in pellicola’ a Roma

Roma, 11 febbraio – Dopo il successo dello scorso anno torna al Teatro Palladium “Ritorno in pellicola”, una rassegna a ingresso gratuito dedicata a grandi film della storia del cinema italiano proiettati in 35mm, co-organizzata dall’Università degli Studi Roma Tre con il Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale e la rivista di critica cinematografica Quinlan.it.

In un’epoca in cui la pellicola è pressoché scomparsa, travolta dalla rivoluzione digitale, è fondamentale riproporre il vecchio e inossidabile 35mm, riscoprendo il piacere di vedere sul loro supporto originale alcuni dei grandi capolavori del nostro cinema e dando così la possibilità al pubblico, di giovani e non, di assaporare di nuovo la bellezza di questo tipo di visione.

Il primo film che apre la rassegna mercoledì 12 febbraio alle ore 19 è Estate romana, terzo film di Matteo Garrone. Un racconto generazionale ambientato nella Roma alle soglie del Giubileo del 2000. La visione è introdotta da Vito Zagarrio (docente del Dams di Roma Tre), Alessandro Aniballi (critico cinematografico – Quinlan.it) e Daniela Currò (Conservatrice Cineteca Nazionale). Con loro: Salvatore Sansone, Massimo Gaudioso e Marco Spoletini, rispettivamente attore protagonista, sceneggiatore e montatore della pellicola. La rassegna prosegue l’11 marzo con la proiezione di Morte di un matematico napoletano, film d’esordio del regista Mario Martone, ospite d’eccezione dell’appuntamento.

Già lo scorso anno, in occasione della prima edizione della rassegna e del Roma Tre Film Festival, sono state proiettati pellicole del calibro di C’era una volta il west di Sergio Leone, Le mani sulla città di Francesco Rosi, Pane e cioccolata di Franco Brusati. Questo grazie al proiettore 35mm che il Palladium, una volta cinema della Garbatella, ha conservato nella sua cabina di proiezione. Si tratta di ribadire il fascino di quello che è stato per la maggior parte della sua storia l’unico modo di fruizione del cinema, un modo che inevitabilmente oggi ha un sapore vintage e cinefilo, ma che allo stesso tempo deve diventare un indispensabile strumento didattico per gli studenti delle arti del cinema e dello spettacolo, oltre che una scoperta per le nuove generazioni. Ritorno in pellicola è anche un omaggio al vecchio sogno del fondatore del Dams, Lino Micciché, che si batteva per il cinema in pellicola e in sala. Un sogno, pur senza nulla togliere alle intriganti e inevitabili mutazioni digitali, ancora vivo.

Leggi anche