martedì, 21 settembre 2021

Creuza de Mà festival, da Miss Marx a L’ispettore Coliandro

Creuza de Mà festival, da Miss Marx a L’ispettore Coliandro

Roma, 24 agosto – Cinque giorni all’insegna della musica per il cinema: fino a domenica 29, si rinnova a Carloforte l’appuntamento con Creuza de Mà, il festival ideato e diretto dal regista Gianfranco Cabiddu e organizzato dall’associazione culturale Backstage, quest’anno alla sua quindicesima edizione: un festival per chi guarda il cinema “dalla parte del suono”, unico nel suo genere in Sardegna e tra i pochissimi nel panorama nazionale e internazionale a ruotare interamente intorno al rapporto tra musica e immagini in movimento. Un rapporto affascinante su cui Creuza de Mà, nonostante il difficile momento storico, indagherà anche quest’anno attraverso proiezioni di film, masterclass, concerti, incontri con registi e musicisti.

Il cartellone degli appuntamenti in programma nel paese sull’isola di San Pietro, di fronte alla costa sud-occidentale sarda, come sempre si snoda principalmente tra i due cinema del paese, il Mutua e il Cavallera, e nello spazio del Giardino di Note, oltre al consueto concerto al tramonto nella cornice marina dell’oasi naturale di Capo Sandalo: un “must” di Creuza de Mà che registra già il sold out.

Tra gli ospiti di spicco, gli interpreti della “Compagnia del Cigno”, la produttrice Francesca Cima (co-fondatrice della Indigo Film), i registi Ivan Cotroneo, Laura Luchetti e Costanza Quatriglio, i compositori Pivio, Pasquale Catalano, Max Viale (vincitore quest’anno del David di Donatello e Nastro d’argento per le musiche del film Miss Marx, di Susanna Nicchiarelli), Francesco Cerasi e la cantautrice Nada. E poi, dopo Carloforte, consueto appuntamento a Cagliari per la seconda tranche del festival, in calendario quest’anno a settembre, sabato 18 e domenica 19.

Ma Creuza de Mà, che si fonda soprattutto sull’incontro e lo scambio, trova il suo senso più profondo nel trasmettere l’arte alle nuove generazioni, e lo fa attraverso il progetto di alta formazione del “Campus di musica e suono per cinema e audiovisivi”, promosso dal festival in associazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia e sostenuto dalla Regione Autonoma della Sardegna con la Fondazione Sardegna Film Commission; un progetto dedicato ai giovani allievi dei corsi di regia, montaggio, suono e musica, che, in un percorso biennale, entrano in contatto diretto con i professionisti di oggi: un impegno più “sotterraneo”, meno visibile rispetto alla parte spettacolare del festival, ma che “sceglie, grazie agli ospiti che porta, di ‘zappare e seminare’ […] insieme ai talenti futuri del cinema italiano, a cui cerca di dare una consapevolezza di un mestiere e una prospettiva futura”, come sottolinea il direttore artistico Gianfranco Cabiddu.

Le cinque giornate di Carloforte propongono dunque una fitta serie di incontri, masterclass e laboratori pratici dedicati alla filiera di produzione del suono, con guide d’eccellenza come il docente di suono applicato all’immagine Filippo Porcari, la microfonista Federica Ripani, il musicista e musicologo Riccardo Giagni, e tanti degli ospiti già citati del festival.

Creuza de Mà ha scelto di non darsi un vero e proprio tema guida per ogni edizione, ma di adottare semmai un punto di vista più generale e avvolgente come è quello della musica per il cinema, con focus su alcuni ambiti specifici; così, stavolta, l’attenzione si concentra su una “forma di cinema” che, in quest’anno e mezzo di pandemia, ha segnato in modo forte il nostro immaginario e il vissuto quotidiano: le Serie TV. Nel “racconto filmico lungo” delle fiction televisive, la musica svolge un ruolo caratterizzante, imponendo metodologie produttive, tempi e modi di lavoro che generano approcci differenti rispetto a quelli che si presentano nel cinema “tradizionale”: ed è su questo punto che a Creuza de Mà si esploreranno le diverse strategie nella composizione musicale, nel lavoro di edizione, adattamento e riscrittura della musica applicata nelle serie TV, che vede emergere figure professionali specifiche.

Il festival presenta dunque una panoramica di puntate di alcune fiction, significativa per diversità di temi e di linguaggi che coprono un arco temporale largo, con stili compositivi e problematiche differenti, per indagare il rapporto della musica e del suono nelle serie televisive. Un viaggio in compagnia di affermati registi e musicisti che va da “L’ispettore Coliandro”, la fortunata serie Tv giunta all’ottava stagione dei fratelli Manetti, con musiche di Pivio e Aldo De Scalzi, alla serie “Il Commissario Ricciardi”, rivelazione di questa stagione, con le musiche firmate dal compositore Pasquale Catalano; da “Nudes”, la serie revenge sugli adolescenti di oggi, con Laura Luchetti, regista e show runner, con le musiche di Francesco Cerasi, a “La Compagnia del Cigno”, la serie musicale ambientata nel Conservatorio di Milano, che vede come protagonisti giovanissimi attori, che sono anche musicisti di solida preparazione: si indagherà su questo fortunato format con il regista e show runner Ivan Cotroneo, con l’autore delle musiche Gabriele Roberto, e con Francesca Cima, cofondatrice di Indigo film, produttrice e “anima” della serie.

Apre la serie dei film in visione, domani (mercoledì 25), “Scherza con i fanti”, documentario di Gianfranco Pannone sui diari di guerra e canti di pace, con musiche di Ambrogio Sparagna e Francesco De Gregori; a introdurre l’incontro, lo stesso Pannone insieme ad Ambrogio Sparagna; il virtuoso dell’organetto e compositore, tra le figure di spicco della musica popolare italiana, autore di molte colonne sonore cinematografiche, sarà anche protagonista, sabato 28, di uno dei momenti più attesi del festival (tanto atteso da aver raggiunto già il tutto esaurito): il concerto, rigorosamente in acustico, al tramonto in località “Le Ciasette”, a Capo Sandalo, nella punta estrema nella parte occidentale dell’isola di San Pietro.rà in questa edizione tutte le proiezioni e gli incontri tra registi, musicisti e pubblico.

Leggi anche