sabato, 29 aprile 2017

As Film Festival 2016, tutti i premi

As Film Festival 2016, tutti i premi

Roma, 12 dicembre -Si è chiusa la IV edizione di As Film Festival (AsFF) diretta da Giuseppe Cacace, il primo festival cinematografico internazionale realizzato con la partecipazione attiva di persone che si riconoscono nella condizione autistica e sindrome di Asperger che si è tenuto il 10 e l’11 dicembre 2016 a Roma, presso l’auditorium del MAXXI, Museo nazionale delle Arti del XXI secolo.

La serata di premiazione ha visto partecipare Vinicio Marchioni, Milena Mancini e Diego Bianchi e la giuria composta dai registi Antonietta de Lillo e Agostino Ferrente e dai critici cinematografici Anna Maria Pasetti, Cristiana Paternò ed Emanuele Rauco ha assegnato:

PREMIO ASFF 2016 – PUNTI DI VISTA – MIGLIOR CORTOMETRAGGI0 ITALIANO a
SINNO’ ME MORO di Pierpaolo Palladino
Motivazione: Per la freschezza con cui si racconta il lavoro, la fatica e l’armonia nella costruzione di uno spettacolo, ravvivando la tradizione del cinema nel cinema e giocando su differenti piani del racconto; per la passione con cui descrive i personaggi raccontando la grande comunità creatasi intorno al loro progetto; per la capacità anche ironica di descrivere l’arte come mezzo per creare integrazione sociale e superare le difficoltà e le barriere, la giuria dell’AS Festival premia come miglior cortometraggio Sinnò me moro di Pierpaolo Palladino.

PREMIO ASFF 2016 – PUNTI DI VISTA – MENZIONE SPECIALE
A GIRL LIKE YOU di Massimo Loi e Gianluca Mangiasciutti
Motivazione: Per la leggerezza con cui si racconta un passaggio di crescita fondamentale, per la partecipazione nella descrizione dei personaggi e per la maturità dello stile cinematografico, la giuria assegna una menzione speciale a A Girl Like You di Massimo Loi e Gianluca Mangiasciutti

PREMIO ASFF 2016 – POINTS OF VIEW – BEST INTERNATIONAL SHORT FILM
REFUGEE BLUES di Stephan Bookas e Tristan Daws
Motivazione: Il fenomeno dei flussi migratori, siano quelli del passato che del presente, colto nel suo aspetto più intimo e più discretamente politico. Il tema della migrazione narrato con la forza e la freschezza delle immagini e il calore della poeticità di Auden.

PREMIO CONFRONTI – il cinema come rappresentazione del sociale è stato assegnato a “Il Silenzio” di Ali Asgari e Farnoosh Samadi. La Giuria di Confronti, Cinema come rappresentazione del sociale è composta da Giuliano Montaldo, Lella Costa, Benedetta Tobagi, Steve Della Casa.
La motivazione: Il silenzio è assordante, nella sofferenza e nella malattia. Puerili e ingenui occhi ne osservano la verità; una verità che spesso non si vuol vedere, affrontare, conoscere e dove, il dolore e l’impotenza trasudano lacrime riversate sulle pareti di un ospedale, per rimanervi imprigionate, urlate, in una babele di parole, poi rincorse. Rimane una speranza: quella dell’umanità ritrovata. Il corto con inquietante dolcezza racconta l’esule e difficile condizione di donne e bambine imprigionate nelle loro emozioni e, in un certo senso, nel luogo che le ha ospitate.

Al tedesco “Trial & Error” di Antje Heyn il premio per il PREMIO ANIMATION NOW! 2016 – BEST SHORT FILM assegnato dall giuria composta da Davide De Cubellis (illustratore, fumettista e storyboard artist), Daniele “Dandaddy” Babbo (regista), Paolo Bassotti (Scrittore), Ivan Corbucci (montatore e regista), Gabriele Pierro (art director e audio visual designer), Elena Testa (responsabile dell’ Archivio Nazionale del Cinema d’Impresa IVREA), Lorenzo Tomio (compositore e musicista), Federico Baciocchi (art director).
Motivazione: Per la sua efficacia comunicativa e per il perfetto equilibrio delle sue componenti: un’ idea creativa fatta di soluzioni visive, stilistiche e sonore, solo apparentemente semplici, sostenuta da una scrittura articolata e intelligente. Un cortometraggio che riesce a coinvolgere lo spettatore in un gioco mentale che non si esaurisce in sé e non fa leva su facili emozioni, ma accarezza e consola con un’inaspettata dolcezza.

PREMI SPECIALI “I RAGAZZI DEL CINECLUB”
riconoscimenti assegnati dai ragazzi nella condizione autistica che collaborano al festival o partecipano alle attività laboratoriali del festival
Milena Mancini e Vinicio Marchioni
Diego Bianchi e la redazione di GAZEBO
Pierpaolo Palladino per Sinnò Me Moro

La selezione, a cura dei ragazzi nella condizione autistica dell’associazione NOT EQUAL, ha messo in evidenza differenti temi oltre all’autismo: immigrazione, integrazione, razzismo e terrorismo con un occhio particolare a bambini e adolescenti che vivono in contesti difficili. Risultato: un palinsesto ricco di cortometraggi di finzione e di animazione provenienti da tutto il mondo con numerose anteprime mondiali.

AS Film Festival: DIVERSO PERCHÉ
Nel corso dell’anno i membri dello staff si incontrano, vedono film, discutono di cinema in un
cineclub permanente autogestito, un contesto protetto, autism friendly, un in cui possono nascere amicizie ed affetti. Il festival è solo l’ultima fase del percorso. Il progetto li aiuta gradualmente a socializzare con coetanei nella condizione autistica, quindi ad entrare in contatto con persone neurotipiche, infine ad affrontare la collettività, fino a sentirsi parte attiva di essa.

AsFF intende contribure alla diffusione di una cultura dell’autismo mostrando la neurodiversità
sotto una nuova luce, non semplicemente in quanto handicap o mancanza, ma come forza, come risorsa, come punto di vista diverso sulla realtà, secondo l’idea per cui “Il mondo ha bisogno di tutti i tipi di mente” (Temple Grandin).

Il Festival è organizzato da associazione culturale NOT EQUAL in collaborazione con FONDAZIONE MAXXI (in particolare con l’adesione del PUBLIC ENGAGEMENT) e CONFRONTI, la rivista della cooperativa COM NUOVI TEMPI, con il contributo dell’ANG Agenzia Nazionale per i Giovani, Regione Lazio, 8X1000 della Chiesa Valdese, FICC Federazione Italiana circoli del cinema, con il supporto di RAI CINEMA. Main mediapartner RAI e mediapartnership di RAI Cultura, RAI Movie, Repubblica.it, Cinecittà News, Fred, Diari di Cineclub. Con la partecipazione di Astarte, Programma Pegaso, AMISnet, Gruppo Asperger Lazio, Asperger Pride

Leggi anche