mercoledì, 22 maggio 2019

Quinzaine, 2019, da Guadagnino a Rodriguez

Quinzaine, 2019, da Guadagnino a Rodriguez

Roma, 28 aprile (Red. cin) – Alla Quinzaine des Réalisateurs  il mediometraggio di Luca Guadagnino The Staggering Girl, con Julianne Moore,realizzato dal regista in team-up con il designer di Valentino, Pierpaolo Piccioli raccontando i diversi capitoli nella vita di una donna attraverso il suo rapporto con la madre, Un vero film, non uno spot di moda.

“L’obiettivo – come Guadagnino ha raccontato a ‘Variety’ – è essere in un film festival importante, sperando che
alla fine il film possa arrivare, in alcuni paesi, in sala. Useremo una collezione di Haute Couture come se fosse un testo letterario”. Piccioli, che ha disegnato i costumi e ha partecipato al processo creativo, ha detto che “ogni vestito racconta una storia diversa”. Nel cast ci sono anche Kyle MacLachlan, Marthe
Keller, KiKi Layne, Mia Goth e Alba Rohrwacher. Rai Com si occuperà delle vendite internazionali del mediometraggio, prodotto da Ibla Film di Eleonora Pratelli e Rai Cinema. La sceneggiatura è di Michael Mitnick, la fotografia di Sayombhu Mukdeeprom, che lavora sempre con Guadagnino. Julianne Moore interpreta Francesca, italo-americana di New York che deve tornare a Roma e alla sua infanzia per reincontrare l’anziana madre pittrice.
Nel programma della Quinzaine anche Robert Rodriguez, con Red 11, Quentin Dupieux, Lav Diaz, Takashi Miike e Bertrand Bonello e Robert Eggers, con Lighthouse, fantasy horror interpretato da Robert Pattinson e Willem Dafoe..

Tra gli italiani anche il corto That which is to come is just a promise (Quello che verrà è solo una promessa), realizzato dal collettivo Flatform

Il Programma della Quinzaine des Realisateurs:
Lungometraggi
– Le Daim (Deerskin) di Quentin Dupieux
(Francia) Première mondiale – Film d’apertura

– Alice et le Maire (Alice and the Mayor) di Nicolas Pariser
(Francia) Première mondiale

– And Then We Danced di Levan Akin
(Svezia, Georgia, France) Première mondiale

– Ang Hupa (The Halt) di Lav Diaz
(Filippine, Cina) Première mondiale

– Canción sin nombre (Song Without a Name) di Melina León
(Peru, Svizzera ) Première mondiale – Opera prima

– Ghost Tropic di Bas Devos
(Belgio) Première mondiale

– Give Me Liberty di Kirill Mikhanovsky (USA) Première mondiale

– Hatsukoi (First Love) di Takashi Miike
(Giappone, Regno Unito) Première mondiale

– Huo zhe chang zhe (To Live to Sing) di Johnny Ma
(Cina, Francia) Première mondiale

– Koirat eivät käytä housuja (Dogs Don’t Wear Pants) di Jukka-Pekka Valkeapää
(Finlandia, lettonia) Première mondiale

– The Lighthouse di Robert Eggers
(Canada, USA) Première mondiale

– Lillian di Andreas Horwath
Austria) Première mondiale – Opera prima

– Oleg di Juris Kursietis
(Lettonia, Belgio, Lituania, Francia) Première mondiale

-On va tout péter (Blow It to Bits) di Lech Kowalski
(Francia) Première mondiale – Documentario

– Les Particules di Blaise Harrison
(Svizzera, Francia) Première mondiale – Opera prima

– Parwareshgah (The Orphanage) di Shahrbanoo Sadat
(Danimarca, Germania, Lussemburgo, Francia, Afghanistan) – Première mondiale

– Perdrix di Erwan Le Duc
(Francia) Première mondiale – Opera prima

– Por el dinero (For the Money) di Alejo Moguillansky
(Argentina) Première mondiale

– Sem seu sangue (Sick Sick Sick) di Alice Furtado
(Brasile, Paesi Bassi, Francia) Première mondiale – Opera prima

– Tlamess di Ala Eddine Slim
(Tunisia, Francia) Première mondiale

– Une fille facile (An Easy Girl) di Rebecca Zlotowski

– Wounds di Babak Anvari

– Zombi Child di Bertrand Bonello
– Yves di Benoît Forgeard

Cortometraggi:
– Two Sisters Who Are Not Sisters di Beatrice Gibson
– The Marvelous Misadventures of the Stone Lady di Gabriel Abrantes

Proiezioni speciali:
– Red 11 di Robert Rodriguez
– The Staggering Girl di Luca Guadagnino (mediometraggio)

Leggi anche