lunedì, 5 dicembre 2016

Monte di Naderi al MoMa

Monte di Naderi al MoMa

È stato ufficializzato in questi giorni dal MoMA di New York il programma dell’annuale rassegna, “The Contenders 2016” (10 novembre 2016 – 11 gennaio 2017), organizzata dal Museo di Arte Contemporanea di New York insieme all’Hammer Museum di Los Angeles, in cui vengono presentate opere – realizzate negli ultimi dodici mesi – considerate dai curatori outstanding e destinate a entrare nella storia del cinema.

“Monte” è l’unico titolo italiano selezionato all’interno della rassegna e sarà presentato l’11 gennaio 2017.

Dopo l’ottima accoglienza della stampa internazionale all’ultima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, dove era stato presentato Fuori Concorso ed era stato assegnato il premio “Jaeger-LeCoultre Glory to the Filmmaker” ad Amir Naderi, quella offerta dal MoMA sarà un’ulteriore occasione per mostrare la pellicola del regista iraniano anche ad un pubblico internazionale.

Amir Naderi è considerato una delle figure più influenti del nuovo cinema iraniano. Dopo aver ambientato gli ultimi lavori in Iran, Stati Uniti e Giappone, “Monte” è il primo film che realizza in Italia. Girato quasi interamente sulle montagne dell’Alto Adige, a oltre 2.500 mt d’altezza sul gruppo montano del Latemar, e in Friuli Venezia Giulia, nei comuni di Erto e Casso e a Sott’Anzas, il progetto ha coinvolto un cast e una troupe interamente italiani, tra i quali Monica Trappolini a capo del dipartimento costumi, Daniele Frabetti alla scenografia e Gianfranco Tortora per il suono. La direzione della fotografia è stata curata da Roberto Cimatti, più volte nominato ai David di Donatello e ai Nastri d’Argento per la miglior fotografia, che ha lavorato insieme ad altri due operatori girando il film con 3 macchine da presa per catturare ogni singola emozione scaturita dal set.

“Monte” è una produzione a maggioranza italiana (Citrullo International, Zivago Media) in compartecipazione con gli Stati Uniti (Cineric), in coproduzione con la  Francia (Ciné-sud Promotion) e KNM  in collaborazione con Rai Cinema e con il sostegno del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Direzione generale per il cinema.

La pellicola ha inoltre ricevuto un sostegno in fase di produzione da IDM Film Commission dell’Alto Adige e dalla Film Commission del Friuli Venezia Giulia.

 

Leggi anche